Utente 359XXX
Sono un ragazzo di 24 anni in abs, leggermente ipoteso (100-90/ 60), che da circa 3 settimane soffre di disfunzione erettile.

Il primo episodio che mi è successo è stato quando mi sono ritrovato con una nuova ragazza che ho conosciuto, dopo un lungo periodo di pausa sessuale, e che si è manifestato un momento prima di indossare il profilattico.

La seconda volta nonostante iniziali difficoltà l'erezione è avvenuta così come il rapporto sessuale stesso.

La scorsa sera si ripresenta il problema della disfunzione erettile.

La cosa che ho notato però stavolta è che parallelamente alla disfunzione erettile si sta venendo a manifestare un calo del desiderio sessuale che pensavo potesse essere collegato alla nuova ragazza ma che in realtà ora si manifesta pure quando attenziono materiale erotico. è come se non pensassi più al sesso come facevo prima.

Al mattino la classica erezione al risveglio si presenta il più delle volte ma ho sto calo del desiderio e sta disfunzione che mi preoccupano. Anche perchè sta disfunzione non è totale ma è ad intervalli. Ci sono momenti durante i preliminari che si presenta l'erezione e poi subito dopo si arresta senza un apparente motivo logico. Cioè è come se il mio pene godesse di vita propria.

Potrebbe essere solo un periodo momentaneo legato a stress o ad altro? è un disturbo su base organica o psichica? Perchè pur pensando ad esempio all'ansia da prestazione, che potrebbe starci, però a casa da solo non dovrei aver problemi di erezione credo.
così come se fosse un problema organico al mattino non dovrei avere le erezioni o no?

Chiedo un vostro consulto, grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,pur pensando ad un preponderante aspetto psichico, le consiglio di consultare un esperto reale al fine di porre una diagnosi di primo livello basata sulla visita diretta e sulla determinazione dei dosaggi ormonali.La presenza delle erezioni spontanee é significativa ma non decisiva.L'influenza psicologica é scontata e, spesso,montante,legata al timore del fallimento che può portare alla sindrome da evitamento.Ci aggiorni,se vuole, dopo la visita specialistica.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
secondo lei è più giusto andare da un urologo o da un andrologo? Detto ciò volevo aggiungere il dettaglio che certe volte ho pure erezioni brevi o erezioni non massimali.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...andrologo o urologo fa lo stesso, l'importante é che sia dedicato al problema, se ne prenda carico ed eviti l'eccessivo attenzionamento verso una funzione spontanea, qual'é quella erettile, da parte del Paziente.Cordialità.