Utente 401XXX
Buongiorno sono dinuovo qui per chiedere gentilmente un nuovo consulto su mio suocero. Allora mio suocero ha 65 anni
DM tipo 2 da circa 10 anni in terapia insulinica.
CAD : a gennaio 2016 NSTEMI occlusione critica CDx, stenosi critica IVA trattata con PCXI +DES, stenosio critico
MO trattata on PCI +DES e stenosi critica con PCI +DES
stenosi valvolare aortica moderata( AVA 1,5 cmq, Gmax 24 mm Hg e medio 12 mmHg)
Ipt
Dislipidemia mista
Pregresso Ictus ischemico nel 2006 ( deficit emisoma destra)
AOCP.EDC settembre 2016 blocco fe-po bilaterale, flusso demodulato in distalita
ANGIO TAC :sx trombosi AFS sino all Hunter. Occlusione ATP, pervie ATA e plantare laterale,ds: stenosi AFS buona perfusione in distalita
Da luglio del 2016 ulcera dorsale piede destro sottoposto ad intervento di necrosectomia e toilette dell ulcera
Esame vascolare
Ds: polso fem+polso popliteo, polso di gamba
Piede destro: ulcera dorsale con bordi iperemici e fondo deterso ma scarsamente sanguinante.
Conclusione ulcera ischemica dorso piede destro in AOCP
si consiglia ricovero per angiografia +PTA e toilette chirurgica ulcera dorsale piede destro con innesto di derma sintetico bioinduttivo.
La mia domanda è, siccome ha il 30% del cuore che funziona se secondo voi può affrontare questo( dicono loro ) piccolo intervento. Qui al.Sud non si mettono nelle condizioni di operarlo .. un dott del nord dice che e indispensabile l intervento affinché non perde la gamba. Aspetto una vostra risposta. Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
comprenderà la difficoltà di esprimersi a distanza riguardo una indicazione chirurgica e la valutazione del rischio relativo.
Da quanto espone si evincerebbe la necessità di sottoporre Suo Suocero ad un intervento "di salvataggio dell'arto" per ischemia critica, onde evitare il doloroso ricorso ad una purtroppo prevedibile amputazione.
La tecnica proposta limita al minimo il rischio (che non è possibile mai azzerare completamente), ma consideri che un intervento di amputazione, che eventualmente si rendesse inevitabile, al di là della grave menomazione potrebbe comportare rischi probabilmente maggiori.
[#2] dopo  
Utente 401XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille dott Lucio Piscitelli per la vostra risposta. Secondo voi questo intervento serve per salvare l arto, oppure ci può essere un amputazione piu in là. Cioè mio suocero pensa che con questo intervento lo salvano dall amputazione. Voi che dite. Grazie mille ancora.