Utente 428XXX
Buongiorno,
volevo avere alcune info. Circa 3 mesi fa ho subito un infortunio giocando a calcio, in un cambio di direzione. Ho avuto subito dolore (non troppo) nella parte esterna del ginocchio sx. Nei giorni seguenti il ginocchio è gonfiato ma dopo 3 giorni potevo già camminare (con zoppia) e non ho mai avuto instabilità o cedimenti. Dopo 15 giorni ho iniziato rinforzo in palestra senza alcun problema. La prima RMN ha rilevato poi un lesione parziale del crociato anteriore, lesione al piatto tibiale e usura degenerativa del menisco mediale. Dopo 1 mese ne ho fatto un'altra e questa volta recitava lesione subtotale del LCA, disinserzione parziale menisco mediale, lesione piatto tibiale. Quindi ho effettuato una seconda visita ortopedica in cui mi è stata diagnosticata una rottura totale del crociato e una lesione del menisco laterale. Volevo sapere:
Q
1. È possibile durante l'intervento di ricostruzione del LCA (da rotuleo) operare anche ambedue i menischi? E piatto tibiale?
2. Quanto l'operazione anche dei menischi può influire sui tempi di recupero e sulla durata dell'operazione?
3. Come è possibile che nessuno si sia accorto prima del menisco laterale e che le diagnosi siano così diverse una dall'altra?
Cordiali saluti,
Francesco
[#1] dopo  
Dr. Nicola Fredella
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
la risonanza magnetica può dare sia dei falsi negativi che dei falsi positivi; pertanto per la diagnosi è assolutamente necessario l'esame clinico.
Durante l'intervento di ricostruzione dle crociato è possibile , se necessario , intervenire su entrambi i menischi con variazione sulla durata generale di pochi minuti e con nessuna variazione sul protocollo post-operatorio.
nella sua descriione non è chiara la patologia del piatto tibiale che probabilmente è solo una lesione da impatto di nessuna rilevanza clinica ma solo un dato di rm