Utente 132XXX
Buonasera Dottori,
Vi scrivo per chiederVi un parere riguardo la presa impronte in 3d, della quale ho sentito parlare.
Essendo io problematica alla presa impronte col metodo classico ( cucchiaio e pasta ) per me sarebbe una vera manna
dal cielo, mi chiedo pero' se sia affidabile? Il mio attuale dentista è scettico a riguardo, ma vorrei avere altri riscontri, grazie!
Potreste eventualmente suggerirmi degli studi a Milano che utilizzano questa metodologia?
Grazie mille,
saluti B.
[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica

Le impronte dentali digitali rappresentano la ricostruzione virtuale (su file digitali computerizzati) dell’arcata dentale, parte di essa o entrambe e sono utilizzate in implantologia per la produzioni di protesi fisse, in ortodonzia per lo studio e la costruzione di apparecchi ortodontici, in odontoiatria protesica per la costruzione della classica dentiera o protesi mobile totale.

Una delle novità più rilevanti sta proprio nel metodo di acquisizione delle impronte dentali che non si avvale più del classico cucchiaio portaimpronte riempito di pasta morbida entro cui affondare i denti ed attendere l’indurimento del composto per ottenere il calco.

Non è più necessario neanche il passaggio della colatura del gesso all’interno dello stampo per fabbricare il modello su cui l’odontotecnico può cominciare a lavorare per la produzione della protesi del paziente.

Per prendere le impronte dentali digitali, il dentista inserisce nella bocca del paziente uno scanner 3D (lettore) che, attraverso la sinergia di microprocessori e luci a LED, è capace di leggere la conformazione del cavo orale, registrare il contorno geometrico dei denti e dei tessuti gengivali

Tutte le informazioni raccolte dallo scanner vengono elaborate da un apposito software che ricava e riproduce tridimensionalmente le due arcate del paziente con una precisione irraggiungibile con il metodo classico.Il file viene poi inviato on line al laboratorio.
Io Personalmente uso la metodica per la realizzazione di
mascherine ortodontiche invisibili (metodica invisalign)
e le riproduzioni delle arcate e dei denti sono perfette
(ovviamente il lavoro deve essere eseguito da un team
dentista-odontotecnico esperto,perchè in fin dei conti è
sempre l'odontotecnico che realizza i dispositivi protesici.
Unico neo.....il costo maggiore per il paziente.
Non ho idea chi abbia tale sistematica in studio a Milano
(CEREC - System),ma non mi sembrerebbe deontologicamente corretto fare nomi di colleghi sul sito.
Buona Serata
dr. L.De Socio

https://it.linkedin.com/in/luigi-de-socio-9bb60343