Utente 420XXX
Ho 30 anni e da 5 mesi, dopo un periodo molto intenso, mi sono comparse le extrasistole (mai avute in vita mia).
Le avevo principalmente dopo ogni singolo mini pasto con una media di 70.
sono stata dal cardiologo: mi ha fatto analisi del sangue, ecocardio, holter ed elettrocardiogramma tutto nella norma e mi ha detto di continuare a fare sport che però non ho più fatto per paura.
Poi mi ha mandato dal gastroenterologo.Mi ha dato una cura labsopranzolo e la situazione stazionaria. Poi mi ha detto di prendere ansiolitici per 1 mese. Fatto. Risultato: uguale a prima.
ho cambiato gastroenterologo: pantopranzolo da 80mg e antireflusso. Inizialmente sparite per 3 gg poi riapparse per una indegestione s non ne se ne sono mai andate da 5 mesi a questa parte. Ne ho in media dalle 200 alle 300/gg di extrasistole ma per me sono diventate impossibili: mi accompagnano i crampi alla testa e a volte sbalzi di pressione che mi fanno chiudere le orecchie.
Entrambi i gastroenterologi hanno detto che potrei avere ernia iatale ma ciò non dovrebbe provocare extrasistole così importanti e con la cura di pantopranzolo e antireflusso fatta per 2 mesi dovevano sparire invece no...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Diciamo innanzitutto che se ne avesse 2-300 il numero di extrasistoli sarebbe considerato normale (fino a circa 1000-1500, a seconda del tipo sono considerate fisiologiche).
Le cose che colpiscono sono due:
1- non le hanno mai prescritto una gastroscopia? come le hanno fatto la diagnosi di ernia jatale? Con uno studio radiologico baratto o e' solo una supposizione? In tal coso va programmata.

2- nessuno le ha mai prescritto un Holte cardiaco? esche' questo e' l'esame principe per lo studio delle sue aritmie: constatare quante extra lei abbia, di che tipo, e la loro disposizione nelle 24 ore.

Fatto questo, se vuole, ci ricontatti

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 420XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore,
La gastro entrambi i gastroenterologi mi han detto che ammesso abbia una ernia non devo avere queste extra e soprattutto dopo la cura dovrei stare meglio invece no...mi hanno detto entrambi di farmi rivedere dal cardiologo.
holter portato e ha riscontrato appunto 300 extra ventricolari e sono benigne pertanto il cardiologo mi ha spedito dallo specialista dello stomaco. Mi stanno rimbalzando come una palla da circa 4 mesi.
Mi hanno curato come avessi ernia con inibitori della pompa a dose piena x 3 mesi e antireflusso
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
a- una ernia jatale PUO' dare origine a banali extrasistoli, dal momento che la porzione dello stomaco che ernia attraverso il diaframma la prima struttura che si trova davanti e' l'atrio destro

b- gli inibitori della pompa protonica NON curano l'ernia jatale ma semmai il rflusso gastro esofageo che spesso si associa a questa. Non e' che se lei assume il pantoprazolo lo stomaco non erni attraverso il diframma.

c-la gastroscopia serve a porre diagnosi di ernia jatale (non si puo fare la diagnosi con la imposizione delle mani...) e ad escludere altre eventuali patologie piu serie che potrebbero essere mascherate dall'assunzione degli IPP.

d- torno a consigliarle l'holter cardiaco , anche se 300 extra sono davvero una banalita'

Arrivederci

cecchini