pene  
 
Utente 273XXX
Salve, come ho già scritto ho sofferto di disfunzione erettile a causa di "pigrizia delle arterie", la struttura vascolare secondo ecodoppler risulta nella norma e sono tutt'ora in cura vorrei dire che dopo che eseguo una sessione di aerobica e pesi in palestra il pene di 10 cm a riposo mi si restringe drasticamente in maniera eccessiva a 6 cm (praticamente si vede solo il glande) ho 48 anni, so che un restringimento succede a tutti e che non averlo o averlo poco vuol dire avere un miglior tono cavernoso, gli altri compagni di palestra non hanno un restringimento così eccessivo, naturalmente non è un problema di paragone la mia perplessità è questa:: aldilà delll'adrenalina che fa da vasocostrizione ci può essere anche una relazione fra un eccesso di restringimento e la mia disfunzione erettile? Ad esempio le valvole della vena dorsale che dovrebbero drenare meglio la circolazione a riposo creando un migliore circuito chiuso ed impedire che defluisca una quantità tanto eccessiva di sangue nel corpo? Avere un migliore tono cavernoso post allenamento vuol dire proprio questo?

Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Pigrizia arteriosa in un atleta? Mah. Eviti per il resto simili congetture.