vista  
 
Utente 429XXX
Buongiorno
ho 34 anni, miope e astigmatico.
Al lavoro porto spesso lenti a contatto giornaliere toriche , raramente occhiali
Ad agosto ero in viaggio e avevo solo gli occhiali con me e alcune mattine avevo la percezione di vista lievemente offuscata da un occhio (a volte il destro a volte il sinistro, mai contemporaneamente) che nel giro di 30-60 minuti si normalizzava.
Tornato dalle ferie a settembre ripresa l'attività lavorativa ho avuto diversi episodi (almeno 4 tra settembre e ottobre ) esclusivamente da un occhio (a volte il destro a volte il sinistro mai contemporaneamente) in cui dall'occhio in questione vedevo sfocato, come se mi fosse aumentata la miopia. Per fare un esempio se sono in riunione e stiamo proiettando qualcosa allo schermo lontano da quell'occhio non riesco a vedere bene i contorni delle lettere e quindi sono obbligato ad avvicinarmi. se chiudo l'occhio "buono" non riesco a leggere bene, con entrambi gli occhi invece compenso.

Sono quindi andato dal medico di base che mi ha prescritto visita oculistica, risultato della visita (che ora vi dettaglio) tutto ok, si chiede solo di controllare la pressione corporea (non oculare) perchè il dottore imputa questi episodi o a sbalzi pressori (talvolta ho la pressione con picchi a 140) o a spasmi muscolari.
cure farmacologiche in corso : Assumo ipp tutte le mattine (pariet 20 mg)
ecco il resoconto visita
Segmento anteriore: OO nella norma
Visus:
OD 10/10 -3,5 -0,5 ax 170
OS 10/10 -3,5 -0,5 ax 170 t
(ps vi segnalo che le lenti a contatto sono -3,25 -1,5x180 e -3,25 -0,75x180)
VISUS per vicino:
OD 1 dw cc
OS 1 dw cc
Tono oculare
OD 14 mmHg (soffio)
OS 15 mmhHg (soffio)
Pachimetria
OD 570
OS 574
Fondo oculare
OO papilla rosea a margini netti, lieve tortuosità arteriosa. Presenza del riflesso foveale
Assenza di lesioni regmatogene e/o soluzioni di continuo in periferia indenne
Scala vas del dolore: il paziente riferisce assenza di dolore al momento della prestazione
Fine
il dottore mi ha anche prescritto un collirio oltre che consigliare di fare holter pressorio.

Farò holter pressorio ma ho avuto dopo la visita altri due episodi di "calo" un po' più lunghi (1 oretta) all'occhio sinistro e sono un po' preoccupato possa essere qualcosa di più complesso che va indagato in maniera multidisciplinare.
Stante questo riepilogo consigliereste un secondo consulto con altro oculista, altri approfondimenti o ritenete l'individuazione delle possibili cause coerente con il quadro descritto?
Grazie mille
Antonello
[#1] dopo  
412966

Cancellato nel 2016
BUONGIORNO NEL SUO CASO LA DIAGNOSI CORRISPONDE AD EPISODI DI EMICRANIA OFTALMICA EPISODI CHE PER LORO NATURA TENDONO A RECIDIVARE CON DELLE RICADUTE NON PREVENTIVABILI E PREVENIBILI. LA COSA CERTA CHE LA COMPONENTE ANSIOSA FA PARTE INTEGRANTE DEL PROBLEMA ANZI ASSAI SPESSO NE RAPPRESENTA LA CAUSA SCATENANTE.TERAPIE NON NE SISTONO ESISTE LA PREVENZIONE DEHGLI EPISODI MEDIANTE IMPIEGO DI FARMACI VASODILATATORI TIPO FLUNARIZINA ISSIUM CP 5 MG 2 DIE A CICLI DI 1 MESE SI 1 MESE NO ED ESISTE LA POSSIBILITA DI EDEGUIRE UN ECODOPPLER TSA CAROTIDEO PER VALUTARE LO STATO DELLE SUE CAROTIDI CAROTIDI ALCUNI RAMI DEI QUALI IRRORANO OCCHIO.CONTROLLI LA PRESSIONE ARTERIOSA DI SOLITO COESISTE BASSA PRESSIONE ARTERIOSA E TALORA ESISTE UNA PREDISPOSIZIONE FAMIGLIARE CERTIDI RIDURRE LA SUA COMPONENTE ANSIOSA. ED EVENTUALMENTE VADA DA UN NEUROLOGO PER SCRUPOLO ANCHE SE TRATTASI DI UN PURO PROBLEMA DI TIPO VASCOLARE.CARI SALUTI.MANTOVA 15/11/2016.
[#2] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
grazie dottore, quindi valuta si possa trattare di emicrania oftalmica anche in assenza di mal di testa e dolore?
[#3] dopo  
412966

Cancellato nel 2016
TUTTO RISULTA POSSIBILE. NON CI SONO REGOLE IN MEDICINA SEGUA QUINDI I MIEI CONSIGLI.MN 15/11/2016.