Utente 429XXX
Gentili dottori,
due o tre anni fa sono andato dal mio medico di fiducia per chiedere una consulenza riguardo alla mia situazione. Infatti con il pene in erezione, esso non si scopriva e sentivo dolore nel provare a scoprirlo. Lui tuttavia mi ha rassicurato dicendomi che non si trattava di alcuna fimosi, dato che a pene "flaccido" riuscivo senza alcun problema a scoprirlo interamente e mi ha invitato ad "esercitarmi" a scoprire sempre di più il pene poco alla volta e con cautela. Ora già da un paio di mesi riesco a scoprirlo interamente e senza sentire alcun dolore, tuttavia esso non si scopre automaticamente, ma devo farlo io manualmente con le mani. Inoltre anche quando completamente scoperto, la pelle si "retrae", "obbligandomi" quindi a tenerla quindi ferma.

Ringrazio in anticipo per la Vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

nel suo caso si deve parlare forse di un anello fimotico più che di fimosi.

In questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.