Utente 204XXX
Buonasera, a febbraio mi sono accorta casualmente di avere nella parte posteriore alta della testa due parti vicine totalmente prive di capelli (una delle dimensioni di una moneta e l'altra più piccola, entrambi circolari). La dermatologa mi ha diagnosticato alopecia areata e prescritto delle analisi del sangue per valutare stato della tiroide, ed è risultato tutto perfetto. L'unica cosa strana era una fortissima carenza di vitamina D. Non ho nessun parente che abbia questo tipo di problema, né io ne ho mai sofferto prima. Mi ha dato un integratore di vitamina D a copertura mensile, e ho iniziato il trattamento con la schiuma Olux. La chiazza più piccola a stretto giro è scomparsa, quella più grande no. A maggio ho cambiato cura, smettendo Olux e iniziando con il Minoxidil 5% una volta al dì. Ero abbastanza soddisfatta dopo le ferie estive perché avevo notato un miglioramento (era tornata un po' di peluria). Fino a quando la settimana scorsa ho iniziato a sentire leggero dolore ai capelli e forte prurito e ho notato che si è formata un'altra chiazza priva di capelli (esattamente sotto quella grande) sempre delle dimensioni di una piccola moneta, con la cute leggermente arrossata.
Sono assolutamente demoralizzata, con il terrore di perdere altri capelli. Premetto che il mese prossimo tornerò dalla dottoressa (adesso le mie possibilità economiche non me lo permettono), ma vorrei sapere se è il caso di continuare ancora la cura con il Minoxidil, se c'è qualcosa che potrebbe aiutarmi, se lo stress può influire su questo tipo di alopecia (è una cosa che mi demoralizza molto e mi fa stare male, anche se so che "c'è di peggio nella vita", ma vedere la mia testa che perde capelli a 30 anni mi crea un forte disagio).
Vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

comprendo bene la sua situazione occupandomi da anni di questa malattia anche "sociale"

Le indico un link di approfondimento su questa patologia oltre ai tanti approfondimenti presenti in medicitalia.it

www.alopeciaareata.it

cari saluti
Dr Laino