ernia  
 
Utente 429XXX
Buonasera

sono stato operato di ernia inguinale sinistra con il metodo di Lichestein 13 giorni fa (2.11.2016)
In seguito all'operazione ho avuto solo piccoli dolori e un pò di fastidio, così ho preso solo una tachipirina 1000 mg al giorno nei primi tre giorni, giusto per calmare l'infiammazione. Ho iniziato a camminare subito.
Nei primi 10 giorni ho sofferto di mal di schiena dovuto alla posizione leggermente inclinata in avanti che istintivamente ho assunto per limitare il (poco) dolore all'inguine.
Dopo sette giorni (9.11.2016) mi hanno levato i punti esterni (15 su una ferita di 6.5 cm circa) e applicato un'ultima medicazione . Ho chiesto al medico se tutto fosse nella norma ottenendo una risposta affermativa.
Quando ho tolto l'ultima medicazione ho notato un ingrossamento nella zona della ferita: non centrato perfettamente sulla ferita ma un pò più in basso e parallelo ad essa.
L'ingrossamento ha approssimativamente la forma di un cilindro di lunghezza 7 cm e diametro massimo 3 cm, ovvero con dimensioni superiori all'ernia operata, più sottile nella parte in alto e più grosso nella parte in basso
inoltre l'ingrossamento si presenta molto più compatto dell'ernia. Noto anche una certa insensibilità della pelle in corrispondenza di tale ingrossamento.

Sento un certo appesantimento all'inguine, come se l'ernia fosse ancora presente e un pò di fastidio (quasi nullo in posizione seduta)

E' normale ?
Alla sera metto del ghiaccio (opportunamente isolato) sull'ingrossamento e questo mi da un po di sollievo e prendo mezza tachipirina per limitare l'infiammazione. Posso continuare ?

Molte Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore il cilindro che lei sente se è lungo la ferita chirurgica è legato alla cicatrizzazione. In quel punto i tessuti sono saldati tutti assieme e quindi formano un cilindro duro che si risolverà completamente quando la cicatrizzazione avrà esaurito il suo corso (4-6 mesi) e i tessuti torneranno a scivolare l'uno sull'altro, mentre adesso ripeto sono fissati l'uni all'altro. L'assenza di sensibilità è normale dopo una incisione chirurgica perchè vengo sezionate le terminazioni nervose cutanee e quindi per un pò di tempo avrà questa sensazione. Se l'ingrossamento non coincide con l'incisione chirurgica può essere dovuto ad un piccolo ematoma (ma si vedrebbe) o ad un piccolo sieroma (raccolta di acqua che si è incistata sotto la pelle). In questo caso vale la pena che si faccia vedere dal chirurgo perchè sarebbe sufficiente pungere la raccolta per eliminare la raccolta. Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Grazie molte per il consulto chiaro e rassicurante.

Non ho ematomi, al massimo un pò di arrossamento dovuto soprattutto allo sfregamento del cilindro sugli indumenti. Inoltre la consistenza e la stabilità del cilindro sembrerebbero escludere una raccolta di acqua.

Dato che ci vogliono 4-6 mesi per il completo riasorbimento del cilindro, non riprenderò l'attività sportiva (corsa, bici e camminate in montagna) prima di qualche mese.

Grazie ancora

Cordiali saluti



[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Auguri e cordiali saluti