Utente 426XXX
Buonasera dottori, vi scrivo perché dal mese di maggio ho un problema che mi affligge. Giorno 1 maggio durante un rapporto non protetto con la mia ragazza ci siamo accorti della presenza di alcune palline biancastre che finita la penetrazione rimanevano attaccate a me, da lì in poi ho iniziato a notare dei cambiamenti sul mio glande, infatti sul lato sinistro(appena più sopra della corona) mi è comparsa una macchia chiara come i tipici funghi che colpiscono la pelle, e successivamente una serie di puntini rossi che pian piano aumentavano fino a comporre un' unica macchia più grande. Mi sono di corsa rivolto ad un andrologo che, con una visita fatta solo da una osservazione ad occhio nudo, mi ha diagnosticato una balanopostite, avendo il sospetto che fosse candida mi ha prescritto una cura di pevaryl crema da applicare la sera sul prepuzio e glande. Durante la cura ho notato che la macchia bianca é diventata di rosso acceso. A fine cura non è cambiato nulla apparte il fatto che sul glande si sono formate delle piccole rughette che a volte sembravano volersi desquamare, nel frattempo la mia ragazza ha fatto un tampone vaginale da cui è risultata la presenza della gardnerella, di conseguenza mi sono curato con flagyl 250 mg, 2 la mattina e 2 la sera per 2 giorni. A fine cura non era successo nulla allora ho prolungato la cura per altri 3 giorni senza riscontri positivi, successivamente ho fatto una visita dermatologica in cui la dott.ssa, con osservazione ad occhio nudo, mi ha prescritto l'utilizzo della balanil per 15 gg ma non ho avuto grossi migliorament(dopo ogni cura ho avuto miglioramenti ma mai complete guarigioni), successivamente ho fatto un'altra visita dermatologica da un altro medico che dopo esame dermatoscopico mi ha detto che non presentavo caratteristiche di una balanopostite infettiva e che si tratava di una balanopostite aspecifica, e di lavarmi con il lipikar surgras pane e quando necessario utilizzare la flixoderm che non utilizzo in quanto leggendo il foglietto illustrativo ho notato che non è adatta all'utilizzo su parti intime, inoltre mi ha detto che sia normale che rimangano queste macchie rosse. La mia ragazza ha fatto un altro tampone da cui si è certificata la candida e di conseguenza entrambi abbiamo fatto la cura con triasporin,1 mattina e 1 sera, e ho avuto maggiori miglioramenti rispetto al solito. Durante questa cura ho iniziato ad avere bruciori interni al meato e arrossamenti attorno ad esso. Dopo ogni rapporto o masturbazione sento, internamente al meato, fastidio o bruciore, di conseguenza penso di avere anche una uretrite. Considerando ciò vi pongo delle domande. 1)è possibile che una balanopostite curata lasci delle macchie?2) è possibile far sparire le rughette comparse sul glande? 3) per avere la certezza della natura della balanopostite mi consigliate un tampone balano-prepuziale?4) per la sospetta uretrite mi consigliate un tampone uretrale, una urinocoltura o entrambe?
In attesa di risposta vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Credo che dopo tutte queste terapie debba prende un momento di pausa . Mantenga una accurata igiene intima senza esagerare con i detergenti e usi una crema idratante sul glande . Eviti una eccessiva attività sessuale e vediamo cosa succede . Una balnopostite può lasciare delle discromie cutanee dopo la guarigione ,eviterei l'accanimento teraputico, se i bruciori dovessero continuare potrà eseguire una spermiocoltura ed tampone uretrale . Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per il chiarimento ma avrei altre domande da porle. Quanto tempo mi consiglia di aspettare prima di fare un tampone uretrale e la spermicoltura? Oltre al tampone uretrale e alla spermicoltura mi consiglia anche un tampone balano-prepuziale per avere la certezza di essere libero da un qualsiasi tipo di infezione?per quanto tempo devo limitare i rapporti? infine, potrebbe consigliarmi una crema idratante da applicare sul glande?

In attesa di risposta la ringrazio nuovamente per la disponibilità.
Cordiali saluti