Utente 204XXX
Salve sono una ragazza di 38 anni, a novembre 2015 improvvisamente mi si é gonfiato il ginocchio destro, sono andata subito dalla fisioterapista e non ha riscontrato nulla. il gonfiore poi mi è passato, ma ancora oggi avverto uno strano dolore al ginocchio, a volte mi si gonfia anche un pochino, sono andata fa re la risonanza magnetica e questo è il referto:
Non significativo versamento liquido endoarticolare.
il legamento collaterale laterale presenta modesta iperintesitá di segnale in sede preinserzionale, tipo lesione di primo grado.
Nei limiti le strutture meniscali, i legamenti crociati, il legamento collaterale mediale ed i tendini dei muscoli quadricipite femorale e rotuleo.
Strie sinovitiche nella porzione mediale del corpo adiposo di Hoffa.
Ispessimento sinovale della plica medio-rotulea.
Conservato lo spessore delle cartillagini articolari femoro-rotulea e femore-tibiali.
Il fisioteripista mi ha detto che non ho nulla é vero? Ma come mai ho dolore quando lo sforzo tipo attivitá fisica (step) e quando vado a camminare?
Grazie mille
Saluito
[#1] dopo  
Dr. Antonio Mattei
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
mi chiedo come possa fidarsi di una valutazione del fisioterapista che peraltro non dovrebbe assolutamente permettersi di fare valutazioni che Lei riporta.
Un ginocchio che si gonfa è sicuramente un'articolazione sofferente. La risonanza magnetica non è il "verbo" ma quello che può sicuramente fare luce sullo stato della sua articolazione è una visita specialistica ortopedica, magari da uno specialista del ginocchio.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Buona sera, grazie per la risposta, provveduto subito lunedi a prendere un appuntamento con uno specialista ortopedico, ma dal referto cosa é emerso?
[#3] dopo  
Dr. Antonio Mattei
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Praticamente nulla se si eccettua una possibile plica sinoviale che qualche volta può essere sintomatica. Ripeto però che quello che deve indirizzare non è la RM ma la valutazione obiettiva di uno specialista.