ciste  
 
Utente 430XXX
Salve a tutti, confido nella vostra velocità nel rispondere.
Mi chiamo Chiara, 17 anni, sono di Roma e Martedi (21/11) mi sono operata ad una ciste sacro coccigea all'Umberto I di Roma, l'operazione è durata poco e ho sentito poco e niente. Finita l'operazione mi hanno bendato con scotch medico il posteriore, più o meno tutto. La mattina seguente (ieri, 22/11) avevo necessità di andare in bagno, ma non riuscivo a capire come potevo riuscire. Quando lo stimolo è diventato insopportabile ho ceduto alle necessità del mio corpo e sono andata in bagno. La pulizia non è stata ottimale. ANZI. La sera mi sentivo strana, una sensazione disgustosa e sapendo quel che era successo sono andata in bagno ed ho aperto la garza per vedere le condizioni. La zona era sporca, ho tamponato con un cotton fioc stando attenta a non lasciar pelini per vedere se la ferita dentro (lasciata aperta) era sporca. Ho avvertito mia madre ma lei dice che è pulita e che non devo preoccuparmi.
Ho paura di rischiare un'infezione o rallentare la guarigione.
e sinceramente penso che dei punti sarebbero stati più efficaci anche se credo più dolorosi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
nel Suo caso è sufficiente una normale pulizia delle zone limitrofe e la sostituzione della medicazione esterna.
La ferita sarà poi controllata nel corso della successiva medicazione in ambulatorio chirurgico.
La scelta di lasciare la ferita aperta non è legata al dolore eventualmente provocato dalla apposizione dei punti, ma alle condizioni della fistola e alle probabilità di successo di una guarigione per prima intenzione (con chiusura).