Utente 424XXX
Buongiorno, pongo la mia questione essendo un ragazzo giovane e sportivo. Ho avuto un grave incidente automobilistico e per un infezione ai tessuti molli che mi ha gonfiato moltissimo petto trapezio dorsale e spalla ho avuto una trombosi di succlavia ascellare e giugulare, dopo sei mesi di terapia con coumadin tutto risolto.il mio quesito a qui nessuno ha voluto rispondere è essendo un frequentatore assiduo della palestra(se non facevo l incidente pronto a gareggiare) e molto sportivo potrei ricominciare ad allenarmi seriamente. Il fattore scatenante è stato tutto quel gonfiore che avevo e ho avuto per parecchio e quindi tolto questo rischio recidive ? Grazie molte per l'attenzione, ritengo questo sito utilissimo.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
la difficoltà a rispondere a questo quesito è comprensibile e nasce dalla impossibilità di stabilire con certezza diversi fattori e la loro compartecipazione:
condizioni delle vene prima dell'incidente; meccanismo preciso mediante il quale il trauma ha innescato la trombosi; esiti anatomici della guarigione; coesistenza di fattori di rischio trombigeno (trombofilia congenita, farmaci, particolare tipo di attività fisica, sovrappreso, ecc.).
Non è quindi in linea di proncipio escludibile che indurre nuovamente stimoli meccanici sul tronco vascolare possa determinare conseguenze.