Utente 110XXX

BUON GIORNO,
IL MIO PROBLEMA CONSISTE IN QUESTO: CIRCA 30 ANNI FA MIA MADRE, PER PROBLEMI DI FLEBITE, E' STATA OPERATA E LE HANNO TOLTO LA SAFENA (IN UNA GAMBA). NEGLI ULTIMI 5 ANNI SI E' RIPRESENTATO IL PROBLEMA, PER CUI UN CHIRURGO VASCOLARE, PER 2 VOLTE, LE HA TOLTO UN PEZZETTO DI VENA MALATA. IL PROBLEMA NON E' SCOMPARSO, PER CUI SI E' RIVOLTA AD UN ALTRO CHIRURGO IL QUALE, DA ESAMI APPROFONDITI, HA SCOPERTO CHE IN REALTA' LEI AVEVA 2 SAFENE, UNA GLIEL'HANNO TOLTA, QUELLA RIMASTA LE CAUSEREBBE QUESTI PROBLEMI. LUNEDI' DOVREBBE OPERARSI, MA ALCUNI GIORNI FA HA SENTITO DIRE CHE E' UN GRAVE ERRORE TOGLIERE LA SAFENA IN QUANTO, SE NE AVESSE BISOGNO, IN FUTURO NON POTREBBE PIU' FARE IL BY-PASS (AL MOMENTO NON HA NESSUN PROBLEMA DI CUORE). COSA NE PENSATE? GRAZIE MILLE. COSTA FLAVIA

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Massimiliano Zaramella
24% attività
8% attualità
12% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent.ma Utente,
se la vena safena è malata (varicosa) non potrebbe comunque essre usata per l'eventuale confezionamento in futuro di un bypass.
cordiali saluti,
massimiliano zaramella
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Sono d'accordo. Questo del possibile uso della Safena in un futuro intervento di rivascolarizzazione del miocardio è un problema di cui recentemente si discute molto, tanto da far ritenere che sia necessario farne menzione nel consenso informato che deve essere sottoscritto dal paziente prima dell'intervento. In realtà, come già spiegato, una Safena francamente varicosa è inutilizzabile per un by-pass aorto coronarico. D'altra parte i Cardiochirurghi hanno affinato tecniche che prevedono, ove fosse necessario e in alternativa a procdeure di angioplastica e stents, il possibile uso di altri tronchi vascolari o anche di collaterali della safena non alterate.
[#3] dopo  
Dr. Luca De Fazio
24% attività
4% attualità
12% socialità
PERUGIA (PG)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Parlare di safena varicosa è un po azzardato....bisognerebbe farne una valutazione oggettiva del tratto distale (quello normalmente utilizzato per il by-pass ) e bisogna anche dire che è il tratto che più difficilmente si rovina ...Bisogna per completezza e chiarezza deontologica che esiste un intervento conservativo C:H:I:V:A una chirurgia emodinamica che permette di non sacrificare le safene e risolve il problema varicoso. Se vuole maggiori delucidazioni può visitare il mio sito personale nella sezione flebologia dunque guardare terapia chirurgica. Rimango a sua completa disposizione e nel caso avesse perplessità sulla metodica attualmente presso l'ospedale di foligno dal 2000 abbiamo eseguito circa 3.500 interventi con questa metodica e a tutt'oggi dopo quasi sei anni non ci pensiamo proprio a tornare a fare gli stripping.A presto Luca de fazio