Utente 892XXX
SALVE MI CHIAMO FRANCESCO DA CIRCA 1 ANNO MI E' STATA DIAGNOSTICATA LA PROSTATITE DA CLAMIDIA, DOPO 2 CICLI DI ANTIBIOTICI NON AVENDO AVUTO RISULTATI, IL MEDICO CHE MI CURA MI HA CONSIGLIATO DI FARE DELLE INIEZIONI DI ANTIBIOTICO DIRETTAMENTE NELLA PROSTATA, SE ERA POSSIBILE VOLEVO SAPERE SE CONOSCEVATE QUESTA TERAPIA ED EVENTUALMENTE AVERE DEI CHIARIMENTI. GRAZIE ANTICIPATAMENTE PER LA RISPOSTA,SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la terapia iniettiva intraprostatica,praticata per via trans rettale ha fautori e oppositori. Evidentemente il Suo urologo di riferimento prevede una
eradicazione della clamidia con tale terapia e,quindi,e corretto che lo segua.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 892XXX

Iscritto dal 2008
grazie per la sollecita risposta volevo sapere se c'erano delle controindicazioni
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
la iniezione di antibiotici nel tessuto prostatico ebbe un certo clamore qualche decina di anni orsono, dopo i primi dati nessun urologo "serio" ne parla più.
cari saluti
[#4] dopo  
Utente 892XXX

Iscritto dal 2008
cosa vuol dire "serio",che questo tipo di terapia non mi assicura la risoluzione del problema?Mi consigliate dunque di continuare con la terapia via orale.Vi ringrazio per la vostra disponibilita'.