Utente 432XXX
Buonasera, ho letto alcune domande e relative risposte che si avvicinano ai miei dubbi, tuttavia ho bisogno un riscontro soggettivo per me.
Sono incinta di pochissime settimane, tenete in considerazione che devo ancora andare dal ginecologo per fare la prima ecografia.
Il mio dubbio riguarda la data di concepimento partendo dal fatto che ho avuto l'ultimo ciclo in data 18 o 19 novembre (purtroppo non ho l'abitudine di segnare i giorni).
Ho un compagno con cui ho rapporti frequenti e con cui cerco da diversi mesi di avere un figlio senza riuscire forse anche a causa della mia recente operazione per togliere un fibroma e una candida ricorrente da tanto tanto tempo.
Purtroppo ho fatto un errore enorme e ho avuto un rapporto non protetto con un collega in data 1 dicembre, il rapporto si è interrotto prima della eiaculazione ma prima è stato pur sempre un rapporto non protetto.
Il giorno 2 dicembre ho avuto un rapporto con il mio compagno, tutti gli altri rapporti con lui non li so datare perché non sono solita a segnare nulla come date.
Il mio dubbio purtroppo riguarda se il concepimento è del mio compagno o meno.
Questo dubbio mi logora
So benissimo che non è facile visti i rapporti ravvicinati ma nel rapporto occasionale non c'è stata eiaculazione.
Cosa posso fare?
Grazie mille
[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Basarsi sull'assenza di una eiaculazione visibile non è il massimo. Durante il coito può aversi perdita di liquido prostatico ricco in nemaspermi e capace di fecondare, senza che il maschio ne abbia contezza.
La cosa migliore è richiedere ad entrambi un prelievo di sangue (ovviamente senza specificarne il vero motivo) ed eseguire un accertamento diagnostico sul feto in epoca congrua (amniocentesi genetica, cosa che è consigliabile se ha 35 anni compiuti) per stabilire attraverso l'analisi genetica di chi dei due è il bambino. Il resto, ovviamente, è di sua competenza.

Saluti