Utente 432XXX
Buona sera,
Nel mese di ottobre 2015, dopo una caduta accidentale, mi è stata diagnosticata una tendinite alla base del pollice della mano destra. Dopo gli opportuni esami, mi è stata prescritta una terapia con antidolorifici, antinfiammatori e cerotti locali da applicare durante la notte.
Dopo circa un mese senza alcun beneficio mi è stata prescritta ergoterapia (ho fatto un totale di 12 sedute) e un tutore da tenere 24/24.
Inizialmente ho riscontrato dei miglioramenti, fino a riuscire a non indossare più il tutore (su consiglio dello specialista), ma dopo neanche 2 settimane ho dovuto rimetterlo perché il dolore aumentava.
Ho eseguito altri controlli e lì mi è stata diagnosticata un principio di rizoartrosi con tendinite De quervain (febbraio 2016)
Ho tenuto il tutore ancora a lungo, ho continuato ad applicare cerotti anestetici locali, e ho continuato ad assumere analgesici ed antinfiammatori. Il dolore non passava ancora, così mi hanno somministrato un'infiltrazione di cortisone (per la tendinite De quervain), che da quel giorno è andata migliorando, infatti nel mese di settembre sono riuscita a smettere la terapia farmacologica e a togliere del tutto il tutore.
Attualmente mi si è ripresentato un dolore fortissimo alla base del pollice della mano dx, che non regredisce con il tutore ne con antidolorifici, l'utilizzo della mano mi è praticamente impossibile, come alzare anche solo un bicchiere o scrivere...
per il lavoro che faccio mi è impossibile non utilizzare la mano, cosa posso mettere in atto per migliorare la situazione? Premetto che l'ultimo controllo l'ho fatto a fine settembre, dove mi è stato detto di non fare più nulla. Non mi è mai stato proposto alcun intervento chirurgico.

Vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

bisogna capire se il dolore attuale dipende dalla trapezio-metacarpale o dal De Quervain.

Nel secondo caso, potrebbe ripetere l'infiltrazione di cortisone o, in alternativa, fare una terapia fisica (laser yag, tecar, ecc.).

Stessa cosa dicasi per la TM, dove però, se confermata una patologia articolare in atto, va continuato sempre con il tutore (specie di notte, anche in assenza di dolore) e con le infiltrazioni periodice di acido ialuronico.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Il dolore attuale è alla base del pollice sul palmo della mano di dx, non so se riesco a spiegarmi in modo corretto... quindi presumo si tratti appunto di una riacutizzazione di dolore a causa della rizoartrosi. Mi sbaglio?
Per quanto riguarda la de Quervain dopo l'infiltrazione non ho più avuto particolari problematiche, anzi, il dolore è praticamente scomparso.
Purtroppo per il lavoro che faccio mi è impossibile tenere il tutore durante il giorno...
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
No. Dovrebbe trattarsi di una sinovite del tendine flessore del pollice.