Utente 432XXX
Buonasera,

mio figlio di 8 anni peso 26,5 kg sta assumendo il Tegretol (per n. 3 crisi convulsive di cui la prima il 04/01/2015, la seconda il 19/08/2016 e la terza il 01/12/2016, epilessia dovuta a piccola lesione su corteccia frontale dx che oltre questi episodi non ha fortunamente dato altri problemi a carattere motorio e cognitivo) dal 03/12/2016 iniziando con 6,5 ml la mattina e 6,5 la sera per poi aumentare dopo 6 giorni a 6,5 mattina e 10 ml la sera e proprio da questo aumento gli sono uscite tutte bollicine sul tronco e sul viso che gli davano prurito. Dopo circa 1 settimana le bollicine sono quasi sparite e non gli davano più prurito, si è passati quindi al terzo step con 10 ml la mattina e 10 ml la sera e un giorno dopo le bollicine sono ricomparse con più prurito che perdura ancora. La pediatra d'accordo con il medico che lo segue hanno deciso di diminuire il dosaggio fino ad arrivare in 3 giorni a 7 ml la mattina e 7 ml la sera e vedere se le bollicine e il prurito spariscono. Nell'ipotesi che tutto rimanga però invariato ci dicono che dovremo cambiare farmaco...
A questo punto chiedo è possibile che questa reazione sia temporanea a questo primo periodo di assunzione??
Il farmaco oltre questo non da altri effetti collaterali anzi è molto ben tollerato dal bambino..
Io e mia moglie siamo disperati e ormai lo stressiamo continuamente con il controllo di queste bolle, ma la paura più grossa è che il nuovo farmaco non sia ben tollerato per il resto come il Tegretol.
Grazie mille per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
i rash cutanei morbilliformi si riscontrano nel 10/15% dei pazienti in trattamento con carbamazepina che se non sono accompagnati da latri sintomi sono lesioni che possono regredire spontaneamente con il proseguimento della terapia
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille dottor Vannucchi!!! La terrò aggiornato, se non le dispiace..., sull'andamento della cosa.
[#3] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno Dott. Vannucchi,
Sempre per quanto riguarda il Tegretol volevo chiederle se c'è interazione con la Tachipirina (nel foglietto illustrativo non ho trovato nulla, ma su internet ho letto che l'assunzione in contemporanea diminuisce la biodisponibilità del paracetemolo, che vuol dire??).
E nel caso ci fosse interazione e non possano essere utilizzati insieme in caso di febbre del bambino cosa dobbiamo utilizzare???
In un sito ho poi trovato:
http://www.lice.it/LICE_ita/documenti_LICE-SIMG/pdf/FARMACI_AE_e_INTERAZIONI.pdf
In cui si parla di: "aumentato catabolismo del paracetemolo con conseguenti elevati livelli di metaboliti epatossici"
Grazie in anticipo per la sua risposta in merito
[#4] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
si tratta semplicemente che la carbamazepina aumenta il catabolismo del paracetamolo (in pratica ne diminuisce le concentrazioni ematiche per cui è come se fosse ridotta la dose assunta di paracetamolo), in condizioni particolari quando il paracetamolo è ad alti dosaggi potrebbero aumentare i metaboliti tossici del paracetamolo aggravando certe condizioni in cui coesista una malattia al fegato; comunque non si preoccupi dia tranquillamente il paracetamolo per la febbre senza alcun poblema
[#5] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio nuovamente per la celere risposta. Complimenti per la sua professionalità e disponibilità