Utente 186XXX
Salve, chiedo un piccolo consiglio per mio fratello operato nel 1991 per progenismo mandibolare (intervento Le Fort per terza classe) che ad oggi ancora presenta viti nella mandibola e placca nel seno mascellare dx. A seguito di intervento odontoiatrico di devitalizzazione di un molare nell'arcata superiore destra ha presentato dopo diversi giorni una forte pressione in corrispondenza di tutta la zona del mascellare superiore dx soprattutto sotto la placca di cui sopra che all'epoca fu messa come ausilio per ricomporre le fratture dell'intervento maxillo facciale. Inoltre ha una costante sensazione di odore di marcio e secerne da retrofaringe un muco denso e giallastro. Ha eseguito una visita otorino che ha suggerito di fare una TAC dei seni paranasali per valutare il tutto. Ho letto che in tali casi è utile fare una TAC con piani sagittali utile per sinusiti di questo tipo. Prima di tutto, ciò corrisponde al vero o basta una Tac con piani coronali e assiali? Siccome l'otorino ha segnato solo TAC seni paranasali, l'indicazione dei piani sagittali ,qualora secondo voi sia utile come ho letto, va fatta sulla richiesta oppure è da dire al momento quando si fa l'esame? in caso sia necessario rimuovere la placca suddetta, si tratta di un intervento rischioso visto che le viti che fissano la placca, sono ormai calcificate dopo tutto questo tempo? E poi, una volta tolte, questi "tunnel" lasciati dalle viti, come si chiudono? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Gargiulo
20% attività
16% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Va bene la tc. Ma la sinusite non e' dipendente dalla placca.