acqua  
 
Utente 391XXX
Salve dottori, vorrei un vostro parere su una situazione imbarazzante. Ieri sono corsa nel bagno della mia stanza d'hotel (nella quale ero appena arrivata) a causa di una diarrea improvvisa e ho coperto un po' la tavoletta con carta igienica. Durante l'atto, degli schizzi di acqua mi sono arrivati sul sedere e sui genitali. L'acqua era pulita perché ho tirato prima lo sciacquone e l'albergo era abbastanza pulito (4 stelle) tuttavia c'è sempre il timore che qualche batterio fosse nell'acqua. Inoltre quando mi sono rialzata mi sono accorta che la carta che avevo messo sotto di me si era anche un po' sporcata di acqua mista a feci a causa di uno schizzo. Ho subito provveduto a lavare genitali e ano ma volevo sapere da voi esperti se corro qualche rischio e se sarebbe utile una copertura antibiotica. Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
le "coperture antibiotiche" sono utili solo in circostanze ben definite e codificate.
L'uso scriteriato di questa pratica, che è diventata di automedicazione, ha fatto si che lItalia sia in cima ai paesi con batteri multi - antibiotico resistenti.
E questo è un problema molto serio.
Cosa dovrebbe coprire con l'antibiotico?
La cameriera dell'Albergo si preoccuperà di togliere i suoi schizzi di acqua e feci.
A lei è bastato eseguire il lavaggio con un detergente intimo.
Auguri,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 391XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore, le assicuro che la cameriera non ha dovuto pulire nulla perché l'ho già fatto io. Comunque, come poter fare per capire se si è contratta un'infezione in questa situazione? Bisogna solo aspettare e vedere se si manifesta? E in che modo potrebbe manifestarsi?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
ma che infezione vuole che si manifesti?
Il suo è un evento in cui incorrono migliaia di persone ogni giorno.
Curi piuttosto le sue angosce ipocondriache.

Saluti,
Dott. Caldarola.