Utente 136XXX
Buongiorno scrivo per mia moglie 29 anni, 50 kg, non fumatrice e non prende la pillola anticoncezionale. Il 23 dicembre si è rotta il dito del piede e glielo hanno fasciato per un mese. L'ortopedico ha detto che se non deambulava doveva fare le punture per ridurre il rischio di una trombosi. Lei a parte il primo giorno il secondo giorno si muoveva con regolarità appoggiando piano piano il piede, sino ad oggi che inizia già a camminare quasi regolarmente. Sulla pelle non presenta alcun segno e la gamba dove il piede ha questo problema non è gonfia. È solo leggermente più fredda dell'altra. La gamba dove il piede è sano risulta leggermente più muscolosa forse per il fatto che usa prevalentemente quella per il carico. Concludendo a parte il primo giorno non è mai stata ferma del tutto. Le punture non le ha fatte perché abbiamo dato per scontato che camminando anche poco non servissero. Ho una terribile paura dopo aver letto internet di una trombosi. Aggiungo che lei ha anche una pressione medio bassa. La trombosi potrebbe averla avuta i primi giorni e ad oggi non essersi accorti di nulla? Grazie buona giornata

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Attilio Marchese
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Ha commesso un'imprudenza a non seguire le prescrizioni degli specialisti. Le consiglio di effettuare un dosaggio del D Dimero ed un ecodoppler venoso degli arti inferiori per escludere complicanze trombotiche. Il tutto nei limiti di una valutazione a distanza
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della risposta. Ma abbiamo seguito il referto. Il referto riportava l'uso dell anticoagulante solo se non deambulava. Lei sin dal primo giorno ha deambulato
Con fatica ma ha deambulato.
[#3] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera aggiorno la situazione. Subito dopo il suo consulto abbiamo eseguito una visita completa dall'angiologo. Ha effettuato un eco doppler arti inferiori risultato tutto negativo. Le ha prescritto Prisma 50 mg per 15 giorni. Attualmente non ha sintomi tranne un sintomo strano ma avvenuto subito dopo la visita quindi non penso che se la visita è stata negativa possa aver avuto 5 ore dopo un problema non visto dallo specialista. Per sintomo mi riferisco che SOLO la sera quando va a letto (causa anche del piumone invernale molto pesante) accusa calore alle gambe in particolare a quella della frattura. Al tatto sono uguali come calore. Non ha gonfiore,rossore e dolore. E' da tenere in considerazione questo sintomo anche dopo l' eco doppler negativo e la cura del Prisma 50 mg che sta facendo? Questa sensazione le viene solo la sera sotto le coperte. Grazie buona serata.
[#4] dopo  
Dr. Attilio Marchese
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
È stata visitata da uno specialista, che ha escluso patologie vascolari significative in atto. Alterazioni della sensibilità cutanea nella sede della frattura non necessariamente debbono destare preoccupazione, in quanto possono essere attribuibili ai fenomeni flogistici locali. Purtuttavia, qualora la sintomatologia dovesse persistere, le consiglio un controllo dallo specialista ortopedico di sua fiducia
[#5] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dei consigli ma la zona della frattura è il dito, il buciore lo ha avvertito nella coscia. Potrebbe essere sempre connesso?