Utente 894XXX
Salve, sono una ragazza di 21 anni, da circa 10 anni presento al cuoio capelluto delle squame e allo sterno chiazze rosse entrambe accompagnte da prurito. Ho effettuato numerose visite dermatologiche in quanto non riuscivo mai a tenere sotto controllo la malattia, le diagnosi sono state diverse: dermatite seborroica, seborriasi, psoriasi e di conseguenza anche le terapie sono state altrettanto varie. Per il trattamento della dermatite seborroica il primo dermatologo mi ha prescritto uno shampoo di cui non ricordo il nome e locoidon al bisogno, il secondo dermatologo mi ha diagnosticato una psoriasi e mi ha prescritto olux schiuma per una sett., diathynil compresse per 1 mese e sempre locoidon al bisogno. Forse è stato un caso ma ogni qual volta utilizzavo locoidon al bisogno mi accorgevo che le recidive erano sempre più frequenti e i sintomi più acuti.Da allora tra l'altro le squame mi sono comparse sulla palpebra sinstra, nel condotto uditivo, nella zona retroauricolare e nella zona interscapolare, inoltre ho bruciore e secchezza alla fronte. Allora ho preso un altro parere, mi sono recata all'IDI di Roma dove mi hanno diagnosticato una dermatite seborroica e mi è stato prescritto nizoral shampoo 2 volte a sett. e nizoral crema 2 volte al dì. Al cuoio capelluto ho riscontrato notevoli risultati ma non posso dire lo stesso per le chiazze al viso.Ho paura che tutti questi farmaci possano farmi male, ci sono prodotti naturali che potrebbero alleviare i sintomi e riportare la cute allo stato normale? o quantomeno prodotti da utilizzare almeno nei periodi di benessere per allungare i periodi tra una recidiva e l'altra? un'ultima cosa: devo usare trucchi particolari o ciò non ha importanza? vi ringrazio anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

questo non deve chiederlo a noi che non possiamo veder e diagnosticare alcunchè dalla sede telematica ma al dermatologo che la tiene in cura:
anche se lei ci indirizza verso "alcune" diangosi non è corretto nè pratico per voi suggerire terapie o modulazioni delle stesse.

esponga quindi i suoi dubbi al suo dermatologo che saprà ben illustrarle le alternative terapeutiche e rivalutare il caso.

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 894XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dott. LAINO la ringrazio per la sua risposta ma se non avevo dei dubbi sull'operato dei miei dermatologi non mi sarei mica rivolta a questo sito!
Non ho chiesto di certo una diagnosi ma soltanto dei consigli utili alla mia malattia che non fossero sostanze chimiche ma sostanze naturali.
In ogni caso la ringrazio ugualmente, cercherò consiglio all'ennesimo dermatologo anche se con scarsa fiducia.