Utente 405XXX
Salve , ho subito un infortunio iniettandomi del diluente nell'indice causando dopo 15 giorni la negrosi in tutto il dito e parte della mano. Dopo 4 mesi dell'amputazione totale dell'indice mi è comparso un neuroma alla base del moncone amputato, quindi ho fatto un altro intervento per l'asportazione del neuroma e parte della mano (tipo intervento estetico) visto che in quella zona non c'era più circolazione (tutta violastra specialmente a basse temperature). Purtroppo dopo circa 2 mesi si è riformato il neuroma,nonostante l'intascamento nel muscolo della mano. A circa un anno e mezzo già parliamo di 9 mm. di neuroma. A parte tutti i miei problemi volevo chiederle se facendo un altro intervento tenendo presente delle condizioni dei tessuti della mano alterati, si può risolvere il problema del neuroma. La mia paura è , se si va ad intascare il neuroma ancora più in giù e si riforma di nuovo i problemi aumentano ancora di più. So che cosi non posso andare avanti sia per il lavoro sia con tutto il resto. Però prima di un intervento volevo un pizzico di garanzia nella sua riuscita. Cordiali saluti Claudio.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

purtroppo nessuno può darle certezze.

Molto dipende dalle condizioni di sofficità del tessuto in cui si intasca il moncone nervoso (dopo aver resecato il neuroma in modo completo).

Indispensabile è anche tenere il nervo lontano dal tessuto cicatriziale profondo.

In alternativa, si può intascare il moncone nervoso nell'osso (ad esempio un metacarpo): in genere, questa soluzione dà ottimi risultati.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo , molto chiaro l'intervento devo farlo perchè non riesco più ad aprire o chiudere la mano. Quindi .... speriamo che non si riformano . Cordiali saluti Claudio.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.