Utente 434XXX
Buonasera.
Sono stata sottoposta ad anestesia generale nel 1983 per la riduzione con fili transossei di una frattura alla gamba. Alcune ore dopo il risveglio ho accusato un forte mal di testa; da allora è sempre diventato sempre più ricorrente (quasi settimanale) localizzandosi nel lato destro.
Ho effettuato diverse visite ed esami specialistici ma senza risultati di rilievo. Ho pensato quindi di risalire a questo primo episodio, forse scatenante, nella speranza di trovarne finalmente la causa: Vi chiedo quindi cortesemente: 1) E' possibile che sia stato scatenato da qualche sostanza presente nei farmaci anestetici somministratimi? E' possibile identificarla e come la si può eventualmente eliminare?
Vi fornisco di seguito l'elenco dei suddetti farmaci, sperando di interpretarne esattamente il nome:
Preanestesia: Faigan 50mg, Atropina35mg
Anestesia: Altbsin if, N2O/O7 (4:2) maschera: Bertolan 8mg, Plailif (o Plasilif)

Vi ringrazio, Distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
4% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Buona sera, quanto ci racconta lascia pensare in prima istanza che il manifestarsi della cefalea al risveglio possa essere di carattere casuale oppure scatenata da fattori ignoti tra i quali collocherei i farmaci della anestesia all'ultimo posto. Il ripetersi poi della cefalea da allora (sono passati oltre 30 anni) è certamente non in rapporto con i farmaci poichè questi vengono eliminati in poche ore dopo il risveglio.
Mi dispiace di non poterla aiutare in alcun modo, ma credo che la causa della sua cefalea sia altrove e forse individuabile con difficoltà visto che dice di aver già effettuato molte indagini senza risultati di rilievo.
Saluti.