Utente 181XXX
Buonasera, sarò breve:
Mi reco dal mio medico perché durante la doccia noto per la prima volta (ma potrebbe essere sempre stato li) un ispessimento osseo nella schiena.
L'ispessimento, osseo dico io, ma solamente perché appare duro, si trova sulla schiena poco sopra il sedere vicino alle cosiddette "fossette", poco sotto.
Appena ho avvertito questo osso ho controllato se simmetricamente (dunque accanto all'altra fossetta) vi fosse la presenza di un osso uguale. Di fatto c'è ma quello che ha catturato la mia attenzione appare più grande, o semplicemente più pronunciato.
Il mio medico ha confermato tale riscontro e mi ha prescritto una rx lombosacrale che è risultata negativa. Per un eccesso di zelo la dott.ssa radiologa ha voluto eseguire una ecografia in concomitanza dell'obiettività clinica riscontrando semplicemente che laddove sento esservi questa escrescenza la macchina rilevava esserci osso. Osso che, appunto, dalla rx non riportava alcuna anomalia o esostosi.
La dott.ssa mi ha detto dunque che ad ora non sarebbe stato necessario fare altro, se non monitorare questa escrescenza.
Aggiungendo inoltre che si sarebbe potuta fare una tac per uno studio migliore del fenomeno.
Che dite o consigliate? posso stare tranquillo?
Può essere che si tratti di un osso semplicemente diverso dall'altro?
Il mio medico di fronte alla risposta strumentale ha decretato conclusa la faccenda.

Ringrazio per la disponibilità
e porco distinti saluti.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Purtroppo non è possibile esprimere un parere su un quadro clinico sconosciuto solo leggendo la Sua descrizione. Se il radiologo e il medico curante, che L'hanno visitata di persona, ritengono che non ci siano problemi, è ovvio che io a distanza non abbia nessun elemento per confermare o confutare le loro conclusioni. Se non si fida di quanto le è stato detto la sola cosa che posso suggerire è di acquisire un secondo parere facendosi visitare da un ortopedico. Nell'attesa eviti di continuare a concrontare i due punti: non siamo necessariamente simmetrici, e la palpazione ripetuta può infiammare la zona e aumentare la confusione.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD