Utente 435XXX
Buongiorno, mi rivolgo a voi per un consulto in attesa di analisi approfondite.
Ho letto già dei consulti e mi sono ritrovato in questo:

http://www.medicitalia.it/consulti/chirurgia-della-mano/340644-infiammazione-nervo-ulnare-10-mesi.html

Nel mio caso particolare:

Di professione sono un programmatore e uso molto la tastiera.
Tuttora soffro di dolori al gomito sinistro e polso sinistro.
Il dolore si acutizza nel caso in cui appoggio l'avambraccio sul bordo del tavolo (come quando si pranza) oppure quando appoggio il gomito su qualsiasi superficie rigida.
Ricordo che la prima volta che mi si presentò era appena finita l'estate e con maglietta maniche corte, quindi gomito "nudo", intento a scrivere con la tastiera mi ero appostato con tutto il peso sul gomito sinistro e da allora ha cominciato a manifestarsi il dolore (una specie di primo trauma).
Pensando che fosse una semplice infiammazione o trauma ho atteso tempo e finchè il dolore è stato tollerante non mi sono preoccupato più di tanto.
In seguito il mio medico di base mi ha indicato una visita specialistica da un fisiatra che mi ha diagnosticato una sospetta compressione del nervo ulnare.
Quindi ora sono in attesa di un esame EMG (con i tempi ASL) per sapere se il nervo è in salute o meno.

Come nel consulto sopra citato anche io soffro da molto tempo di questo "fastidio" che però non mi preclude le funzionalità, nel senso che sono in grado di passare tutta la giornata a fare lavori pesanti come fare legna, lavori di muratura ecc.. senza la benché minima perdita di forza nel braccio o nella mano, anzi addirittura non sento alcun dolore facendo questi lavori..
Non ho nessun formicolio o paresi.

Il dolore si acutizza nel caso in cui:
- appoggio l'avambraccio
- appoggio il gomito
- tengo il cellulare con la mano sinistra
- scrivo con la tastiera e i tasti sono molto distanziati (nel mio lavoro sono molto frequenti le combinazioni tasto Ctrl + Lettera) quindi vi è una costante distensione del mignolo rispetto al resto delle dita.
- mi appoggio in questa posizione per leggere http://www.elenaphoto.com/man_lying_on_grass_sjpg5570.jpg

Aggiungo infine che sono stato da un signore molto rinomato nella zona che 'mette a posto i nervi' ed effettivamente ha maneggiato nell'area sotto il bicipite facendomi un po' di male, ma per 3 settimane il dolore non l'ho proprio più sentito. A suo avviso si era verificata una distorsione e mi aveva liberato il nervo.

Ammetto che a causa del mio lavoro sono recidivo nelle scorrette posture del braccio, ma anche facendo attenzione e tenendo a riposo assoluto il braccio, la situazione non migliora. Ora ho deciso di andare a fondo perché il dolore continua a peggiorare.

Grazie per la vostra attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

nel suo caso, la prima cosa da escludere è una epitrocleite, che giustificherebbe il dolore localizzato poggiando il gomito su un tavolo.

La comressione del nervo ulnare al gomito raramente dà dolore, mentre sempre dà parestesie (formicolio, alterazione della sensibilità) a mignolo e anulare.

Se non si fà una diagnosi certa (le due patologie potrebbero anche coesistere), non si può impostare una terapia corretta.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2017
Aggiornamento sugli esami effettuati, l'EMG ha dato esito negativo, il nervo è perfettamente in salute. Si sospetta ora una forma di tendinite. Cosa ne pensa? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ho imparato a non dare mai valore assoluto all'EMG: ho visto tante volte esami negativi in cui il paziente aveva un problema al nervo.

La valutazione va fatta prima di tutto clinicamente (visita); gli esami strumentali servono da supporto e integrazione.