Utente 313XXX
Buona sera,
l’ortopedico di Messina presso il quale mi sono recato a causa di forti dolori alla schiena, acuiti dal fatto che sono inciampato su una mattonella dissestata senza, però, cadere, ha formulato la seguente diagnosi:

“Lombocruralgia reattiva post traumatica; protrusioni discali multiple; artrite indifferenziata, alterazione posturale complessa; cervicoartrosi; scoliosi lombare sx convessa; esiti sindrome algico disfunzionale ginocchio dx da condropatia mediale e conflitto femoro rotuleo”;

e mi ha prescritto la seguente terapia:

“Dibase 25000 1 fiala a colazione ogni 15 gg. + Toradol 30 mg. 1 f. intramuscolo x 3 gg.”

Ho anche eseguito la RM il cui referto recita:

“l’esame è stato eseguito mediante assunzione di sequenza multiplanari SE, FSE, GE e STIR dipendenti da T1 e dal T2. Spondiloartrosi con ridotto spessore e fenomeni di disidratazione dei dischi intersomatici del tratto in esame. Edema subcondriale delle limitanti somatiche superiori di L2 ed L3; nodulo cartilagineo intraspongioso di Schmort della limitante somatica superiore di L5. Modesta protrusione posteriore ad ampio raggio di curvatura dei dischi intersomatici (L1-L2- ed L2-L3 con lieve impronta sul sacco durale. A livello L£-L4 si documenta ernia posterolaterale sinistra che impronta il sacco durale e la radice nervosa L4, impegnando in parte il forame di congiunzione. A livello L4-L5 si documenta modesta protrusione posteriore ad ampio raggio di curvatura del disco intersomatico con lieve impronta sul sacco durale. Non alterazioni del profilo posteriore discale in L5-S1. Artrosi interpofisaria più evidente in L4-L5 ove determina modesta riduzione in ampiezza del canale spinale.”

Ho seguito pedissequamente la terapia prescrittami, ma non ho ottenuto risultati rilevanti.

Mi è capitato di navigare sul sito https://www.atlantotec.com/it/blog/protrusioni-ernie-del-disco-discopatie dal quale si rileva che presso il Centro ATLANTOtec a Madrid in Spagna, disporrebbero di una macchina Spinemed di ultima generazione che farebbe “miracoli” anche per problematiche come le mie (??).

Chiedo, pertanto, a VV. SS. se conoscete tale Centro e se sarebbe “consigliabile” e, soprattutto, “utile” andare fino in Spagna per risolvere e/o alleviare possibilmente di molto le mie problematiche che, ormai, non mi consentono più neanche un sonno ristoratore.

Ringrazio anticipatamente ed in attesa di Vostra risposta, invio i miei più cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Giuseppe Centanni
20% attività
4% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
gentilissima non conosco il centro spagnolo , comunque in ITALIA vi sono centri ed eccellenti professionisti , sicuramente anche nella sua citta , indi mi metterei in mano ad un ottimo fisiatra per il trattamento dell'artrosi d e delle protrusioni
ovviamente con una visita si può valutare s il problema principale e ' l'artrosi e o le protrusioni
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2007
Egregio Dottor Centanni,
Mi scusi ma ritengo la Sua risposta "generica" e "di parte"!
So bene che in Italia esistono centri eccellenti ed eccellenti professionisti; ed è, appunto, da uno di questi che mi sono recato.
A parte il costo sostenuto (ben 900,00 €. per 12 sedute bisettimanali) non solo non ho ottenuto alcun beneficio ma, anzi, i miei dolori sono - se possibile - ulteriormente peggiorati.
Poiché sono tendenzialmente portato ad credere nelle "nuove" scoperte e nelle "nuove" tecnologie, ritenevo che qualche medico del Vostro Staff potesse, eventualmente, documentarsi sulla base dei dati da me forniti e possibilmente darmi un Suo parere professionale "informato".
Grazie, comunque, della pronta risposta.
Cordiali saluti.