Utente 425XXX
Gentili Dottori,
ho avuto a fine dicembre l'influenza con 38.5 di febbre,raffreddore e i classici dolori. Mi è durata circa una settimana,poi sono riuscita,cercando di riprendere vita regolare. Dopo pochi giorni invece, mi è venuto il virus gastrointestinale con vomito per un giorno intero,(vomitando ogni 20 minuti) e febbre a 38. L'intestino era diventato per lo più stitico e irritato. Non ho mai avuto dissenteria. Ancora oggi dopo circa 5 giorni sono scombinata di intestino,nel senso che ho molta stitichezza e pressione alla pancia bassa e anche se mi siedo,sento pressione all'ano. Vado in bagno tutti i giorni,ma mi svuoto poco e sento la pancia gonfia,così mi rimane questa sensazione di pressione intestinale per tutto il giorno.
I primi giorni del virus non mangiavo,poi piano,piano ho rintrodotto tutto,ma se mangio verdura sento fastidio.
Cosa posso fare? è normale che senta ancora tutto ciò?
Quale dovrebbe essere l'alimentazione attuale?
Mi sento ancora molto stanca e debilitata.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
sicuramente è una sensazione fastidiosa ma non preoccupante.
Se la stipsi attualmente è il suo problema può aiutarsi con il Macrogol da usarsi temporaneamente fino a regolarizzazione dell'alvo.
Ne parli con il suo Curante.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio molto Dottor Caldarola,
se lei mi dice che posso anche non prendere niente e aspettare, perché rientra nell'iter del virus,io aspetterei…l'importante è sapere che è normale.
Sono una persona un pò ansiosa
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Signora,
io le ho consigliato una "purga" che non danneggia l'intestino.
Non mi pare che le abbia consigliato chissà che.
Poi valuti lei: se vuole che le si formi un fecaloma in modo che di buste di Movicol ne deve prendere 8 insieme, anche quella è una strada percorribile.
Parliamo di un disturbo alquanto banale che io al suo posto avrei già risolto.
Veda lei.
Cordialità,
Dott. Caldarola.