Utente 367XXX
salve
una settimana fa sono stato dall'andrologo per un problema..
avevo il frenulo infiammato e il medico mi ha detto che dovevo fare una frenuloctomia.. stamattina sono stato dall'urologo e mi ha detto che devo fare la circoncisione..
vengo al sodo:
mi potete spiegare singolarmente questi due interventi con tutte le procedure che richiedono? anestesia ed altro..
sono terrorizzato, fin quando si trattava di frenuloctomia no era nulla di preoccupante...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore il frenulo è quella porzione di tessuto che tiene in comunicazione l'apice del glande con l'asta del pene. Se è molto corto quando il pene è in erzione o durante la penetrazione vaginale fa male e alla fine si lacera o si rompe (in genere fuoriesce un pochino di sangue, ma cicatrizza subito e in pochi giorni la situazione si normalizza). Il problema può essere la sola lacerazione che comporta una cicatrizzazione e poi una nuova rottura. In questi casi è più conveniente fare l'intervento così si evitano fastidi. In questo caso però iol glande rimarrà sempre coperto dalla pelle. La circoncisione è indicata quando il prepuzio (ovvero la parte terminale della pelle che copre il glande) è stretto ed il glande non si scopre facilmente sia quando è normale e particolarmente quando il pene è in erezione. In questo caso si deve sezionare questa porzione di tessuto ed il glande rimarrà sempre scoperto. E' importante fare l'intervento perchè se il glande non si scopre completamente l'igiene è più difficile e si possono manifestare delle infezioni nella parte coperta. Quindi la decisione se fare un intervento o l'altro dipende da quello che è presente. Normalmente si fanno entrambi gli interventi. Cari saluti
Gerunda
[#2] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
grazie mille .. ma questi interventi sono dolorosi<<' perché in rete dicono mille cose e non riesco a capire quale sia la realtà.. ho letto di anestesie sul pene e dal dolore che si sente durante e dopo lìoperazione.. il mio problema e questo il dolore...
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
gentile signore dopo l'intervento si usa una pomata anestetica (LUAN per esempio) per abolire il dolore. Quindi stia tranquillo che non avverte dolore ne prima, ne durante ne dopo. ovviamente dopo qualche fastidio lo ha, ma la pomata le risolve il problema. Deve mettere molta pomata anche per impedire che la garza con cui avvolge la parte terminale del pene si attacchi alla cicatrice e le faccia male quando si medica. Nel caso mette il pene nell'acqua tiepida per qualche minuto e la garza si stacca. Comunque il fastidio non supera tre giorni in genere. Stia tranquillo.
Cari saluti
Gerunda
[#4] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
grazie mille