dente  
 
Utente 425XXX
Salve, dovrei estrarre il dente del giudizio inferiore nella parte destra della bocca. Il dente subito dopo rispetto a quello del giudizio oramai non c'è più perché spezzato per carie e quindi rimosso. Il dente del giudizio in questione è cariato e quello di sinistra è stato già rimosso durante un esperienza che è stata a dir poco per me traumatica a causa di riflessi del vomito involontari e poi parecchia ansia che si è verificata anche durante i postumi (sensazione di nausea dovuta alla sensazione della mancanza del dente a contatto con la lingua con successivi attacchi di ansia/panico che non avevo mai avuto prima di allora). Premetto che prima di tutto questo per me andare dal dentista era quasi come una passeggiata. Ora non riesco nemmeno più a farmi mettere i ferri in bocca.. In pratica già l'idea di inserire i ferri in bocca mi provoca nausea e anche durante l'ispezione orale sento disagio/nausea. Di conseguenza provo ansia e panico. Ho provato proprio oggi che scrivo ad andare da un dentista che tratta i pazienti con il protossido di azoto... Le mie speranze erano tutte andate su questo tipo di trattamento. All'inizio ho provato questo senso di pesantezza/relax e mi sentivo quasi più coraggioso dopo un po' di respirazioni. Il dentista a quel punto ha chiesto se volevo provare con lo specchietto per vedere se provavo fastidio. Provando mi dava fastidio come quando sono senza protossido, ma riuscendo comunque a controllare di più la paura. Fatto sta che dopo un po' ho iniziato a sentirmi come tornato "normale" come se il protossido non stesse facendo abbastanza effetto dopo l'impatto iniziale. Lui mi disse che era settato su 50 e 50 ossigeno/protossido e che poteva aumentare ancora un po' ma non troppo. Gli dissi al dentista che potevamo provare con l'estrazione e appena si è avvicinato con l'ago per l'anestesia mi sono comunque sentito di avvertirlo che avevo ancora un poco di ansia/paura pur avendo il corpo rilassato. Appena ha messo i ferri in bocca ho subito sentito nausea e quindi l'ho allontanato. Adesso non so se la concentrazione di protossido doveva essere più elevata o no però in ogni caso mi aspettavo molta più influenza da parte di questo gas. Il mio problema è che ho nausea al pensiero dei ferri in bocca e con i ferri in bocca. L'ansia con o senza protossido so che si può gestire. Se il protossido doveva inibire questa cosa con me non l'ha fatto di certo e giuro che comunque il corpo era rilassato (o comunque durante le prime ispirazioni lo era molto di più poi non so se il mio corpo si è abituato e quindi magari ha perso un po' l'efficacia...). Fatto sta che a fine seduta mi ha consigliato la sedazione profonda via endovenosa. Ora chiedo a voi... Non voglio ritrovarmi in un' altra situazione dove poi sono costretto a scappare dallo studio. Che differenza c'è rispetto al protossido? Io devo trovare una soluzione dove non sento i ferri in bocca. Dove proprio sono stordito al massimo. Devo risolvere questo problema.
[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Ritengo che al momento le sue priorità siano di altro genere e magari parlandone col suo medico curante può trovare strade giuste
per trattare l'odontofobia.
Se poi non ci riesce e deve per forza fare l'estrazione e' meglio in anestesia generale
che in sedazione cosciente.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio intanto per la risposta tempestiva. Penso anche io che l'estrazione attraverso anestesia generale sia "purtroppo" la scelta da seguire più appropriata nel mio caso. Quello che mi dispiace in effetti e che fino all'anno scorso, se non fosse stato per questa ultima estrazione traumatica, andava tutto bene. Ma forse era inevitabile, visto che comunque il dente del giudizio si trova molto in fondo alla bocca e sono in effetti molto sensibile in quella zona dal punto di vista del riflesso del vomito. Ora so che molti dei problemi che sono sopraggiunti nelle precedenti visite sono stati maggiorati a causa di questo trauma psichico e sicuramente è nata la fobia. Mi rendo conto di non aver nessun controllo su questo e non so se mai migliorerò.. L'anestesia generale che pensavo fosse l'ultima spiaggia in realtà la vedo da oggi come l'unica opzione da quando sono uscito dallo studio. Infatti ci sono rimasto parecchio male quando non sono riuscito ad iniziare l'operazione. Avrei voluto concludere oggi questa situazione e non pensarci più. Ora che penso a mente lucida riconosco che avrei potuto trattenermi e resistere all'impulso di interrompere il dentista che stava tentando di eseguire solo l'anestesia, ma purtroppo quando la situazione la vivo nel momento presente non riesco a pensare lucidamente e tutto quello a cui riesco a pensare è alla nausea.
[#3] dopo  
Dr. Pasquale Frisina
16% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Credo che sia opportuno effettuare l'estrazione in regime di sedazione venosa profonda e non con Protossido d'azoto.