Utente 437XXX

Salve, sono una donna di 31 anni e vivo nella provincia di Roma.

A seguito dei numerosi casi di meningite degli ultimi periodi ho deciso dapprima di vaccinarmi contro il meningococco C e poi contro il meningococco B.

Ho fatto vaccinare anche il resto della mia famiglia manca solo il mio compagno che martedì farà il meningococco C. Noi abbiamo fatto solo le vaccinazioni per questi due ceppi, mentre non abbiamo preso in considerazione il tatravalente, in quanto non viaggiamo moltissimo all'estero.

Ora chiedo, conviene fare anche il tetravalente?

E se si dopo quanto si può fare questa vaccinazione?

Può comportare danni se già vaccinati contro il C?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se lei non viaggia in Asia o in Africa, il Vaccino tetravalente è del tutto inutile.
In italia è ben coperta dal Men B e dal Men C
Nulla osta che in caso di necessità si possa praticare il tetravalente in qualunque momento se ve ne fossero PROVATE indicazioni.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio moltissimo per la sua esaustiva risposta Dott.Caldarola! Un'ultima domanda...per quanto riguarda invece il vaccino contro il pneumococco cosa ne pensa?il.mio medico curante mi ha sconsigliato di farlo in quanto non rientro nelle persone a rischio e nelle fasce di età a cui è consigliato......grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Eh, strana persona il suo medico a livello base.....
Tutti siamo a rischio per quello che una volta fu definito "The captain of the men of death", tanto più che lo sviluppo di ceppi resistenti ai classici antibiotici rende"the Captain" molto temibile per tutti.
Se ha deciso di fare il vaccino lo faccia: a fronte dei lievi effetti collaterali (uno o due giorni di malessere) sarà protetto da un germe insidioso che può colpire tutti e tutte le fasce di età.
Ribadisco che molti medici dovrebbero essere sottoposti a "revisione" come le automobili: altro che ECM!
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.