Utente 140XXX

Buongiorno,

Ho 41 anni e gioco a calcio in una squadra amatoriale. Nel settembre scorso ho subito una distorsione al ginocchio che, non avendo gran dolore e non essendosi gonfiato enormemente, pensavo si risolvesse nel giro di poco tempo. S
econdo la valutazione del mio fisioterapista, (che ha praticato per oltre una decina di anni in una squadra calcistica professionistica) c’era una lassità anteriore della tibia non preoccupante, superabile con un bel rinforzo muscolare.

A dicembre, non avendo ancora ripreso l’attività calcistica per un fastidio nella parte mediale interna del ginocchio, decido di andare in un centro per fare qualche terapia e accelerare il recupero. Qua mi consigliano di fare una risonanza per valutare che tipo di terapia fare (Tecar, infiltrazioni, ecc ).

Esito della risonanza implacabile: SEGNI DI POSTUMI LESIONE COMPLETA DEL CROCIATO ANTERIORE. Sfumato edema della porzione posteriore del piatto tibiale sia laterale che mediale, e nonché del condilo femorale ove si rileva lieve infossamento osteocondrale come di solito si riscontra nelle lesioni del crociato anteriore.

Secondo il primo ortopedico, al quale ho fatto leggere la risonanza, per ora non sarebbe da operare perché l’instabilità parziale è compensabile con la muscolatura. Non convinto dell’esito della prima risonanza, ne faccio un’altra con medesimo risultato.
Il parere del secondo ortopedico al quale porto entrambi i referti, invece, sarebbe quello di operare (LACMANN ++, JERK +--)e tornare a fare tutto come prima.

Chiedo a voi, se possibile, un consiglio: in base alle vostre esperienze, sarebbe possibile riuscire a giocare in queste condizioni (almeno per concludere la stagione calcistica con un tutore con aste SHOCK DOCTOR 875 ) e poi, qua viene il bello, operare o no?

Premetto che ho ripreso a correre sul tapis roulant e, nei vari movimenti giornalieri, non ho mai avuto sensazione di cedimenti.

Grazie per la gentile disponibilità.

Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Lei ha detto giustamente:
"........IMPLACABILE"
Ritengo assolutamente validi entrambi i pareri dei Colleghi Ortopedici,tuttavia considero (essendo io come Lei amante dello Sport) che far parte di una squadra amatoriale e seguire con passione una disciplina come il calcio implica che i bruschi movimenti come i cambi direzione,piuttosto che i contrasti di gioco,il tiro e quant'altro possano creare in un ginocchio "instabile" (per esempio a causa di rottura completa del LCA) ulteriori problematiche accentuando maggiormente i danni subiti da questo segmento anatomico.
Personalmente,pur non essendo un agonista ai massimi livelli,se desiderassi impegnarmi costantemente in una pratica sportiva in cui gli arti inferiori sono particolarmente sollecitati,sapendo del trauma complesso subito (come nel Suo caso) opterei per "l'intervento chirurgico" così da riacquisire "la stabilità" di una articolazione importante quale quella del ginocchio.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Buon giorno Dr Scipione. La ringrazio del suo consiglio. Effettivamente la soluzione più logica era proprio quella dell'intervento . L'operazione è stata fissata per 09 Marzo.
Grazie ancora.
Saluti!!!
[#3] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Andrà tutto bene,stia tranquillo
La saluto