Utente 437XXX
Salve, tramite sono un donatore assiduo, ma oggi ho scoperto di aver contratto la sifilide. La dottoressa mi ha detto che è stata contratta da poco. Tra due giorni ho un piccolo intervento da fare per una ragade anale, come mi devo comportare? Devo avvisare l equipe medica che ho contratto la sifilide? Come posso curarla anche dopo l intervento? Posso fare l intervento? Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
E' doveroso che lei informi il team proctologico che deve operarla.
Sarebbe bene, se sia possibile, rinviare l'intervento, e trattare la Sifilide per permetterne una rapida e completa guarigione. In questo senso deve esprimersi il chirurgo.
Cari saluti,
Dott.Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Grazie per la risposta dottore. Mentre per quanto riguarda la donazione , sarò per sempre escluso in modo permanente?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Purtoppo si.
Il TPHA + resterebbe come cicatrice immunitaria ed è motivo di esclusione.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Ho capito. Un ultima informazione dottore, l' intervento lo devo per forza fare (ragade) perché è divenuto invalidante. Il medico che mi opererà può opporsi alla mi scelta? Nel senso lo può rimandare perché ho contratto la sifilide? Grazie
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se il chirurgo ritiene che lei debba curare prima la Sifilide e poi sottoporsi all'intervento e motiva la sua decisione, lo può rimandare.
Ad ogni modo è necessario che, nel caso lei si sottoponga all'intervento, dopo il quale presumibilmente sarà trattato con antibiotici, si scelga un antiinfettivo (es. un Fluorochinolone di III generazione) non attivo sul Treponema e appena possibile si proceda con la somministrazione di BenzilPenicillina benzatina che, nonostante la sua età anagrafica, è ancora l'antibiotico MIGLIORE e più sicuro per assicurare la guarigione definitiva dalla Lue.
Attendendo sue nuove, se lo desidera, la saluto cordialmente.
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Salve dottore, alla fine ho parlato con l equipe medica. E non sono stato operato. Mi hanno detto di curare questa sifilide e di ritornare. Sono stato dal mio medico di base e mi ha prescritto il pepirital da 2 Gr puntura da fare una volta al giorno per 6 giorni è appena finisce il sesto giorno , di rifarlo per altri sei giorni, ma poi ho letto nel foglietto illustrativo che si deve fare 2 volte al giorno per sei giorni. Cosa devo fare? E poi la sifilide e' contagiosa in lavatrice con altri indumenti personali ? E poi con cosa posso lavarmi? Grazie e cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
guardi dissento profondamente con la terapia che le ha dato il suo medico curante.
Per motivi di farmacocinetica e di famacodinamica, che non posso stare qui a spiegarle sennò faremmo notte, la piperacillina a 2g/die per via IM NON E' il farmaco di prima scelta nella cura della Sifilide.
Non comprendo i motivi di questa scelta ma a lei deve essere somministrato uno schema, secondo l'orientamento Italiano o quello Anglosassone, che prevda l'uso della BenzilPenicillina Benzatina, che è a tutt'oggi il metodo migliore per eradicare la Sifilide dal suo organismo.
Nel suo interesse pertanto si rivolga a un Infettivologo o ad un Dermatologo ed eviti una terapia che potrebbe avere come conseguenza una decapitazione dell'infezione e non la sua completa eradicazione.
E' ovvio che io non posso fare prescizioni on line ma le posso dire che la Sigmacillina, il nome commerciale della BenzilPenicillina benzatina, sarà anche dolorosa, ma fa guarire la Sifilide SEMPRE.
Il ricorso ad una Acil Ureido penicillina con una breve emivita, pensata per essere attiva contro lo Pseudomonas, è quantomeno risibile.
Si lavi con un detergente intino qualunque e ovviamente tenga il suo asciugamano e il suo accapatoio solo per lei.
Non deve fare altro se non dire al Suo medico di non inoltrarsi in percorsi terapeutici che, evidentemente, non sa gestire..
Buona giornata.
Dott. Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Grazi dottore, io purtroppo non posso oppormi al mio medico? Cosa posso dirgli? La terapia l' ho iniziata ieri sera. 1 al giorno per 6 giorni. Secondo lei basterà per guarire? Cordiali saluti
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Scusi,
ma che domande mi pone anche Lei?
Il mio pensiero gliel'ho espresso ed anche in modo chiaro.
I miei consigli glieli ho dati.
Non so nulla della sua sifilide in termini sierologici, se non quello che lei riferisce aver detto la Sua dott.ssa e cioè che si tratti di una infezione recente.
E' chiaro che lei non può improvvisarsi medico perchè le verrebbe detto di fare il paziente.
Ma una impegnativa per una visita dermatologica o infettivologica urgente credo che possa farsela stampare.
Ciò detto, in scienza e coscienza, non posso obbligarla a nulla.
Auguri,
Dott. Caldarola
[#10] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Grazie, e' stato molto chiaro. Continuerò la terapia...e vedremo. Grazie ancora e buona giornata