nervo  
 
Utente 402XXX
Buongiorno,
scrivo per avere informazioni circa un problema che mi è successo.
Il 12 novembre ho subito l'estrazione del dente del giudizio inferiore sinistro. Da allora ho perso la sensibilità nella parte sinistra della lingua. Il dente era particolarmente complesso, mi era stata consigliata una struttura in particolare in cui effettuare l'estrazione ma per vari motivi non ho potuto effettuarla li e il pensiero che se fossi andata li questo problema si sarebbe evitato mi perseguiterà a vita.
Fatto sta che mi sono fidata di persone che conoscevo che mi consigliavano un dentista che lavora con un chirurgo a detta loro molto bravo.
Avevo in mano la tac e mi è stata fatta fare la panoramica. Finisce l'anestesia, e mi ritrovo la lingua così! Devo dire che dei miglioramenti però ci sono stati, ma sono concentrati sopratutto nel primo mese dopo l'intervento...
I primi tempi facevo moltissime prove, mi morsicavo la lingua per valutare la percezione dolorifca, e posso dire che sono sicura che quella sia tornata alla normalità: da percepire veramente poco, ora appena mi mordo la lingua anche per sbaglio sento molto male. Inoltre sul margine della lingua, ad eccezione della punta, ora percepisco il freddo, ma anche questa ripresa è avvenuta nelle primissime settimane. E se mangio da quella parte mi sembra di percepire i sapori (soprattutto se sono sapori decisi) anche se in misura minore rispetto all'altra parte.
La lingua la muvo perfettamente, non ho problemi di pronuncia delle parole (anche se quando parlo mi da molto più fastidio) e non ho insensibilità in nessun'altra parte.
Sono stata dal medico di base praticamente pochi giorni dopo l'operazione e mi ha prescritto Nicetile (che sembrerebbe aver causato i miglioramenti iniziali) e il 29 dicembre sono stata anche da un neurologo che mi ha prescritto Assonal per due mesi (ma non sembra avere grandi effetti) .
Il problema è che il dentista e il chirurgo sostengono che l'operazione è riuscita perfettamente, ignorano completamente il fatto che io abbia riscontrato questo problema dicendo che non è colpa loro e dopo le mie richieste di spiegazioni mi hanno addirittura "minacciato" ( tramite sempre quelle persone che conosco, perche non hanno risposto diretttamente ai miei messaggi ma hanno parlato con loro) dicendo che mi avrebbero denunciato (su quale base proprio non lo so) e dicendo che non devo più mandargli messaggi.
Il problema è che io ora mi trovo completamente sola, e non so cosa fare per capire se la lingua mi andrà a posto perchè chi mi ha operato nega e non mi da indicazioni.
Per questo chiedo consiglio a voi...
Cosa devo fare? A chi mi devo rivolgere per capire cos'è effettivamente successo e se mi tornerà a posto? Non so più cosa fare.
Vi ringrazio TANTISSIMO se vorrete rispondermi....

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Il suo caso purtroppo non è infrequente : puo' succedere
che durante l'anestesia o le manovre chirurgiche si possa
lesionare il nervo linguale,ed avere un'anestesia temporanea
della metà lingua.
Il problema è conoscere il tipo di lesione:
1) la complicanza piu' frequente è la Neuroaprassia
ovvero la perdita temporanea della funzione di conduzione nervosa dovuta a una lesione, a compressione (ematoma,edema,ischemia)
Solitamente, dopo un periodo di tempo variabile(settimane) c'è recupero completo della funzione.
2) Può anche esserci stata una lesione chiamata Assonotmesi
(L’Assonotmesi avviene quando l’assone e la mielina sono interrotti, ma le strutture circostanti rimangono integre) e i tempi di recupero avvengono entro i sei mesi.
3) Nel caso ci sia stata una lesione totale o Neurotmesi,con
interruzione completa del nervo,essa è irreversibile e non
occorrono terapie mediche,ma eventualmente,nelle fasi
precoci,la possibilità di ricorrere alla microchirurgia neurochirurgica(e non sembrerebbe questo il suo caso,visto che sta recuperando...)
Comunque l'avrebbero dovuta informare sulle possibili complicanze ed acquisire per iscritto il suo consenso informato.
In questi casi,è comunque possibile aprire un "contenzioso".
Dal punto di vista clinico le consiglio di interpellare un Neurologo e/o Neurochirurgo per una corretta valutazione.
Ci tenga informati se crede
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la risposta!
tra un mese dovrò tornare dal neurologo e chiederò di farmi fare esami più approfonditi per capire la natura della lesione...
Grazie!