Utente 330XXX
Buongiorno, ho un figlio universitario che frequenta l’ateneo di Genova ma quando è a casa, studia con colleghi pisani. Nella nostra città (La Spezia) è purtroppo deceduto un ragazzo di 25 anni di meningite studente a Pisa. Il mio ragazzo è stato vaccinato (meningococco C) nel 2005 e non ha fatto più nessun richiamo. Sentita la ASL e il curante, questi non consigliano di effettuare nessun nuovo vaccino mentre, gli organi mediatici, criticano aspramente e giustamente l’atteggiamento che si sta radicando nella gente di non vaccinare i propri figli. Sono passati ben 12 anni dalla vaccinazione e io personalmente credo nella prevenzione e chiedevo un vs punto di vista sull’effettuare - o meno - un richiamo. Grazie e cordiali Saluti.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
il rischio di ammalarsi di meningite è equamente distribuito in tutta Italia.
Non dissimile da quello di ogni anno.
A Pisa non mi hanno riferito che girino i monatti di Manzoniana memoria.
Ciò premesso, il vaccino di suo figlio va richiamato perchè dopo dieci anni il ragazzo non ha più concreta protezione vaccinale conto il Men C.
Quindi, per vivere più sereni, nulla osta al richiamo con il Men C da solo o a mezzo del tetravalente ( ceppi A-C-Y-W135). Quest'ultimo credo sia dispensato gratuitamente dalle ASL. Deve informarsi.
Cordialità.
Dott. Caldarola.