Utente 900XXX
Buongiorno,
volevo informazioni sulla possibilità di intervenire chirurgicamente sulle ghiandole di Cowper.
Ho infatti una produzione di liquido pre-eiaculatorio particolarmente abbondante anche al di fuori della normale attività sessuale.
Tale problema è diventando "ingombrante" in questo periodo della mia vita. Ho 40 anni, ho sempre avuto rapporti sessuali regolari con la mia compagna da 20 anni con la quale il mio problema era gestito serenamente.
Purtroppo la mia storia con questa persona è finita e oggi mi rimetto sul "mercato" alla ricerca di una nuova partner, la produzione di questo liquido, mi crea notevole disagio ed imbarazzo.
A seguito di una visita da uno specialista mi è stata prescritta una cura di tre mesi con del Prodif e del Mobic, che, dopo sette settimane non ha portato alcun miglioramento. Ho già chiesto al medico che mi ha visitato un approfondimento, chiedevo a Voi se fosse possibile intervenire chirurgicamente per inibire l'attivita di queste ghiandole visto che non tutti gli uomini sembra abbiano questa produzione.
Vi ringrazio in anticipo,
Renato

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,capisco l'imbarazzo ma e' anche vero che,a Suo dire,il quadro non si e' significativamente modificato rispetto al recente passato.Se non vi sono fenomeni flogistico/infiammatori documentati,andrei cauto con terapie farmacologiche empiriche e da interventi chirurgici di improbabile esito.
Magari,consultando un andrlogo esperto,il problema si risolve...Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

le ghiandole di Cowper sono stimolate dal sistema nervoso parasimpatico .
Per cercare di arrestarne o modificarne la iperattività bisognerebbe usare farmaci antiparasimpaticomimetici che non sono quelli a lei prescritti
cari saluti