Utente 364XXX
Salve, sono un ragazzo di 20 anni.
Sono diplomato come perito commerciale con valutazione 82/100 e da 6 mesi lavoro presso un azienda come contabile.
Guadagno mediamente €450,00 al mese , dei quali 300 li deposito in banca e non li tocco e 150 euro li consumo !
Sino qui , tutto ok!
Quei 150 euro vengono consumati malissimo, li butto via nel giro di due settimane comprando sigarette e andando sempre nei bar ( mattina cornetto e al pomeriggio torta e cappuccino ). La situazione mi sfugge di mano. Durante il lavoro non fumo, ma quando esco devo finire il pacchetto da 20 altrimenti mi sento insicuro e giudicato!
Secondo me alla base di tutto ciò c'è il fatto che litigai tempo fa con il mio ex gruppo di amici e da allora mi sento giudicato dalla gente in generale.
Per me fumare e consumare soldi è come riempire un vuoto. Solo che ciò non mi permette di acquistare un bella macchina e un telefono nuovo ( ho un telefono rotto da 3 mesi). Come uscire da questa situazione?
Devo recarmi da uno psicologo o posso uscirne da solo?
[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
12% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012

Gentile ragazzo,

può provare a cominciare dal poco, dal semplice,
iniziando a togliere torta e cappuccino del pomeriggio, sostituendoli con una mela:
ne avrebbe un vantaggio anche il Suo peso corporeo!...
E anche dividendo i 150 € in 4 (una parte per settimana) e rispettando la parti nello spendere.

Rinunciare ad una soddisfazione immediata Le permetterebbe di accedere ad un livello superiore di gratificazione:
ad esempio il cellulare al posto di XX pacchetti di sigarette.

Se invece vede che già il semplice e concreto non Le riesce pur impegnandosi al meglio,
occorrerà chiedere aiuto ad uno Psicologo.
Sarà l'occasione per riprendere gli eventi accennati nel consulto, risalenti al passato ma ancora presenti in Lei oggi.

Saluti cordiali.




[#2] dopo  
Dr. Monica Zoni
24% attività
4% attualità
12% socialità
LOCATE DI TRIULZI (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Buongiorno,
in accordo con la Collega, aggiungo solo che mi sembra di intuire che a volte Lei si senta inadeguato ( ma anche oggettivamente sfruttato. lavorativamente parlando) e utilizzi una gratificazione immediata che mette "una pezza" al momento, ma che nel medio termine la fa sentire ancora più frustrato.
E' vero , cambiare le abitudini è difficile e forse a Lei potrebbe giovare un percorso psicologico che l'aiuti a sentire il Suo vero valore e a trovare una strada che soddisfi anche le sue ambizioni e il suo desiderio di accettazione da parte degli altri
Buone cose
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Santonocito
52% attività
20% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Secondo me alla base di tutto ciò è probabile ci sia una tendenza ansiosa, che andrebbe eventualmente curata.

Già nelle precedenti richieste di consulto ciò era visibile e quindi la raccomandazione è di rivolgersi finalmente a uno psicologo, di persona, per un parere più completo.

>>> posso uscirne da solo?
>>>

Se ne fossi stato capace lo avresti già fatto, non ti pare?