Utente 314XXX
Salve a tutti,sono un ragazzo di 21anni e attivo sessualmente da 5...forse anche troppo,comunque,volevo chiedere un consulto perchè negli ultimi 2 giorni ho avuto dei rapporti con la mia ragazza,premetto che non ho mai sofferto di alcun tipo di sintomo o fastidio ma l'altro ieri dopo il rapporto ho avvertito un dolore lancinante al testicolo sinistro nè sopra nè sotto ma proprio quello a livello che non potevo chiudere le gambe e dovevo stare attento se lo toccavo,dopo circa 20 minuti il dolore è sparito.Ieri notte di nuovo...eiaculo e di nuovo stesso dolore sempre al testicolo sinistro,dura un pò di tempo e poi passa...premetto che il rapporto in genere dura 30-45 min ma prima non avevo mai avuto nessun dolore e non credo sia possibile che mi faccia male sempre lo stesso punto e sempre dopo che eiaculo.Ho sentito parlare che questo fatto è riconducibile al varicocele e la cosa mi fa un pò paura perchè mio zio (non di sangue)ne ha sofferto e non ha potuto avere figli.Vorrei avere delle delucidazioni a riguardo....grazie mille le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,piu' che alla presenza di varicocele sinistro,da verificare,penserei ad una possibile torsione del funicolo spermatico,che fisiologicamente di
ritrae verso l'alto in corso di erezione e/o ad una epididimite.E' chiaro che tutto e' da verificare con visita andrologica reale e non virtuale.Una volta posta la diagnosi esegua un normale spermiogramma di controllo.
Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

come già risposto dal dottor Izzo, un dolore con i caratteri da lei descritti potrebbe far pensare a fenomeni di "subtorsione" del funicolo spermatico che possono manifestarsi in concomitanza con gli atti sessuali e con le contrazioni pelviche associate ma anche per fenomeni infiammatori o infettivi degli epididimi o delle vescicole seminali.
Se il fenomeno si dovesse ripresentare utile una visita specialistica
cari saluti