Utente 438XXX
Buonasera. Gia da quando ho 15 anni ( ora ne ho 19) mi capita di provare una stanchezza devastante subito dopo l'orgasmo, la quale diminuisce progressivamente fino a sparire completamente dopo 2 giorni, anche se solitamente sto gia molto meglio il giorno successivo all'eiaculazione. La cosa è per me molto debilitante e mi impedisce di fare sport, di studiare come vorrei e molto spesso anche solo di uscire con i miei amici seppur per una serata tranquilla. Inoltre da oltre un mese, a causa di prostatite/epididimite che mi sono state diagnosticate, ho perdite di liquido seminale ogni notte, per cui sono perennemente stravolto . Dalle mie ricerche ho scoperto che non sono l'unico a soffrire di questo problema e che la patologia è nota come sindrome post orgasmica. Quello che mi preoccupa è che non ho avuto riscontri del fatto che in italia la sappiano curare e in che modo questo problema si possa risolvere. Qualcuno può darmi delle delucidazioni in merito per favore ? Oppure non si è ancora capIto come far fronte a questo problema ? Grazie in anticipo!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Carlo Rando
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
In fatto è una sindrome poco frequente e per questo con pochi dati e pochi studi nel merito. Le ragioni più accreditate sono relative ad uno squilibrio immunitario che coinvolge la tolleranza al proprio sperma a volte associata a condizioni stressogene. Non è chiaro se poi le condizioni stressogene siano concorrenti nel generale il problema p conseguenti ad esso. In ogni caso il promo passo è inquadrare per bene la situazione con un gruppo di valutazioni che riguardano la struttura le funzione genitale, il quadro metabolico-ossidativo, il profilo endocrino-immunitario. Poi sulla base di tali dati si potrà decidere come intervenire per ripristinare degli adeguati equilibri.
[#2] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la sua responsabilità nel rispondermi. Da quello che ho capito, dunque, viene confermato la mia preoccupazione, ovvero che non sia nota una cura o comunque un rimedio per qtesta situazione. Purtroppo lo immaginvio. La ringrazio comunque di cuore.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Rando
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2016
Non è detto che non si possa risolvere. Prima di tutto è bene svolgere le valutazioni indicate e verificare quali siano le sue condizioni complessive e genitali e poi si potrà decidere nel merito. Non credo che abbia senso rinunciare a rimettere in equilibrio il suo sistema per quanto possa non essere semplice e poi... magari scopriamo che è più semplice di quanto non sembri, una volta accuratamente definita la situazione.
[#4] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2017
Mi chiedo però a che tipo di specialista io debba rivolgermi per capire come risolvere il problema....un andrologo? Oppure meglio prima controllare la mia situazione ormonale? Insomma, non saprei nemmeno da dove cominciare.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Rando
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2016
In ogni caso l'andrologo è il medico che la può e la deve aiutare... ovviamente serve un buon andrologo che svolga quanto necessario con contestualità e completezza.