Utente 438XXX
Salve a tutti,
vi scrivo per chiedervi un’informazione.
Qualche sera fa io e il mio compagno siamo andati a cena in un ristorante della zona dove eravamo stati anche in altre occasioni trovandoci bene.
Abbiamo ordinato gli antipasti (due diversi), i primi (un piatto ciascuno ma della stessa pietanza) e i secondi (due diversi) vino in bottiglia e acqua. Avevamo appetito e abbiamo mangiato volentieri sia gli antipasti sia i primi. La serata procedeva tranquilla fino a quando al momento dell’arrivo dei secondi, quasi contemporaneamente a entrambi è venuto un capogiro seguito da vampate di calore e poi un forte senso di vomito. Al momento ci è quasi sembrato di dover semplicemente digerire e abbiamo cercato di mangiare comunque bevendo un po’ di acqua frizzante in modo da aiutarci a digerire, ma quasi subito il mio compagno ha dovuto smettere perché gli è venuto letteralmente da vomitare e ha rimesso praticamente tutto. A me è successa la stessa cosa dopo nemmeno cinque minuti. Stavamo parecchio male e avevamo anche dei tremori quindi abbiamo deciso di pagare il conto e andare subito a casa informando la cameriera dell’accaduto. Nel tornare a casa ci siamo dovuti fermare tre volte per scendere dall’auto e vomitare entrambi. Abbiamo praticamente rimesso la cena e in particolare si distinguevano chiaramente parti di cibo che erano quelli del primo che abbiamo preso entrambi. Una volta arrivati a casa io mi sono un po’ ripresa, mentre il mio compagno non molto e ha avuto anche diarrea e ancora vomito. Il giorno successivo, a parte indolenzimenti addominali e a livello dello sterno credo dovuti ai conati, siamo stati meglio e abbiamo mangiato in bianco.
Ora vorrei capire se può essere stato quel primo piatto che abbiamo mangiato entrambi a scatenare il tutto, in quanto stando al personale del ristorante non era possibile perché avevano servito già quel piatto del giorno ad altri clienti che non avevano detto niente e quindi doveva essere dovuto ad altro che avevamo mangiato durante la giornata (vorrei sottolineare il fatto che avevamo pranzato in posti differenti mangiando piatti diversi). Nel caso fosse stato quel piatto cosa può aver scatenato tutto il malessere improvviso che abbiamo avuto? E soprattutto se può essere possibile che entrambi proprio contemporaneamente siamo stati male.
grazie
saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
mi pare che lei descriva una intossicazione alimentare da manuale.
Difficile capire il batterio incriminato, perchè avreste dovuto impuntarvi per un esame tossicologico e microbiologico del cibo mangiato: nessuno in quel ristorante, ovviamente ammetterà mai colpe.
In genere una sintomatologia a così rapida insorgenza è legata al Bacillus Cereus o allo Stafilococco produttore di enterotossina, specie se qualche cuoco è portatore del batterio nel cavo orale o nel naso e non individuato non viene sottoposto a bonifica.
In compenso la sindrome è autolimitante e lascia nessun reliquato.
Non andate più in quel ristorante: sarà un modo per provarne un'altro magari migliore.
Utile la reintegrazione della flora batterica con dei probiotici.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2017
Dottore la ringrazio molto per la sua pronta risposta.
Purtroppo presi dal malessere e dalla preoccupazione di riuscire a tornare a casa non abbiamo avuto la prontezza di insistere per un controllo sul cibo anche perché il nostro unico pensiero è stato quello di andare a casa per cercare di riprenderci. Stando male entrambi non siamo stati in grado di reagire e di impuntarci più di tanto con il personale, anche il ritorno a casa in auto è stato piuttosto difficoltoso.
Nel caso come avremmo dovuto comportarci? Andare al pronto soccorso o chiamare l’ambulanza? Per poter far analizzare il cibo avrei dovuto chiedere di farmelo incartare e portare via?
Le chiedo queste informazioni per sapere come meglio comportarmi nel caso succedesse un’altra volta in un altro posto, anche se la mia speranza è che non accada mai più!

Grazie
saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Chiamare il 118 o andare in P.S. e dichiarare come erano andate le cose.
Ex lege i sanitari di P.S. avrebbero dovuto comunicare alla autorità sanitaria di competenza il sospetto di tossinfezione alimentare.
Spero anche io che non vi accada più!
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.