Utente 439XXX
Buongiorno, vorrei avere un consulto riguardo al mio caso. Da più di un anno soffro di dolore al collo, diagnosticato tramite Rx , come cervicale, accompagnato da capogiri che normalmente sono controllati con applicazione di Voltaren crema. Il sintomo passa e ritorna in situazioni di stress eccessivo. Ho fatto tutti gli esami, da un ECG , perché spesso ho debolezza alle gambe e mi causa svenimento; TAC risultata apposto se non una forte sinusite, trattata per un paio di giorni con cortisone ed aereosol con ossigeno. Prelievi continui e tutto nella norma. Mi hanno detto che può essere un fatto che io somatici troppi. Ultimamente però questi capogiri sono più frequenti tanto da farmi avere attacchi di ansia,panico, quando sono fuori o in mezzo alla gente. La sensazione è una sensazione di instabilità con paura di sentirmi male. Questi capogiri che mi fanno sentire instabile mi causano anche dolori allo stomaco, con poca voglia di mangiare, non a caso a 22 anni peso 48kg con h di 165cm. Vorrei capire se può essere curata questa sensazione di capogiri e paura di uscire di stare nella folla o in un semplice negozio. Grazie buona giornata.
[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Prima di concludere per una sindrome da somatizzazione ansiosa mi proccuperei di escludere ogni possibile causa organica. Una visita specialistica otorinolaringoiatrica e una consulenza neurologica permetteranno una valutazione approfondita e, come le auguro, una rassicurazione ed un eventuale trattamento della sindrome ansiosa. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Grazie la visita otorinolaringoiatria l'ho fatta anche e con risultati positivi,cioè non hanno rilevato alcuna patologia. A breve dovrei fare un EEG. L'eventuale cura del trattamento della sindrome ansiosa cosa potrebbe vertere? Grazie ancora
[#3] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
A giudizio del curante si potrebbe valutare l'opportunità di un breve ciclo di psicoterapia. Eventualmente associato ad una terapia farmacologica. Cordialità .