Utente 424XXX
Gentili dottori, la notte tra il 26 e il 27 gennaio rilevo l'inizio di un mal di gola e linfonodi ingrossati nel collo. L'indomani, giorno 27 gennaio, misuro la febbre, che, pur non percependo fisicamente, riscontro a 37,5. Dopo questo giorno la febbre scompare, mentre il mal di gola, alternandosi nei vari momenti e restando sempre in forma lieve, e la linfadenopatia continuano per ben 24 giorni fino a oggi (18/02). Tre giorni fa, tornando a casa, decido di osservare la cavità orale e la faringe con una torcia allo specchio e noto la presenza di vescicole (vi allego una fotografia che ho scattato: http://it.tinypic.com/view.php?pic=15o7ygn&s=9#.WKhy0jZdG70). Benché notte, mi dirigo in ospedale, e l'internista che mi visita sospetta una mononucleosi. Tuttavia, non rileva alcun ingrossamento del fegato e della milza. Mi prescrive tre esami: radiografia toracica, emocromo e transaminasi. Attendo in ospedale l'esito, che riporto di seguito.

Sodio 143 mEq/L
Potassio 4.0 mEq/L
Cloro 103 mEq/L
Calcio 9.0 mg%
GOT 17 Ul/l
GPT 18 Ul/l
LDH 332 Ul/l
Proteina C reattiva 0.07 mg/dl

Leucociti 6810 /mmc
Eritrociti 5250000 /mmc
Emoglobina 15.5 g/dl
Ematocrito 44.7 %
Mcv 85.1 fL
Mch 29.5 pg
Mchc 34.7 g/dl
Rdw 13.4 %
Piastrine 229000 /mmc
Pct 0.25 %

Neutrofili % 49.2 %
Linfociti % 43.0 %
Monociti % 5.9 %
Eosinofili % 1.6 %
Basofili % 0.3 %
Neutrofili # 3349 #
Linfociti # 2930 #
Monociti # 2930 #
Monociti # 400 #
Eosinofili # 110 #

Tutto nella norma insomma, esame toracico compreso. Tuttavia, da studente di medicina, dopo 24 giorni di linfadenopatia, mal di gola e ora vescicole, con una diagnosi fallita di mononucleosi, non escludo stia accadendo qualcos'altro. Ieri mi sono diretto in ospedale, dopo essermi fatto prescrivere dal medico di base i seguenti esami: Coxsackie virus, Adenovirus, Herpes simplex virus (tipo 1 e 2), EBV, HIV, tampone faringeo, PCR, emocromo, ecografia del capo e del collo e VES. Per l'esito dovrò attendere diversi giorni. Nel frattempo, vorrei avere anche una vostra opinione. Cosa potrebbero essere quelle vescicole? Vi ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
da Studente di Medicina dovrebbe sapere che la mononucleosi non si esclude con una RX del torace, e una routine ematochimica.
O palpando il fegato e la milza.
Se non sa queste cose se le vada a studiare o le chieda al suo Docente di Patologia Medica.
Quindi non cominci male la sua carriera parlando di fallimento di diagnosi di Mononucleosi, anche se è stato visto da un medico su cui preferisco non esprimermi.
La foto che ha allegato non è diagnostica: si osserva un faringe iperemico e sui pilastri sembra che ci siano delle escrescenze, ma se siano vescicole o altro non è dato di poterlo dire.
Si faccia visitare da un medico meno sprovveduto.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Con "diagnosi fallita" mi riferivo alla visita notturna, tant'è che poco dopo ho scritto "non escludo stia accadendo qualcos'altro" (rispetto alla mononucleosi, che, appunto, non ho escluso). D'altra parte, ho fatto inserire nei miei esami l'EBV. Per cui, come da evidenza, l'ho tutt'altro che esclusa. Ma non procedo oltre con un medico che, senza conoscere colui che mi hanno visitato, lo definisce sprovveduto. (Non avendo, per altro, citato una sola parola dello stesso medico.) Non ho fiducia in lei. Per non parlare del modo scontroso che ha di porsi. Attenderò i vari esiti, tra cui EBV, e agirò di conseguenza.
Non la ringrazio.
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Bene,
non è necessario per la mia sopravvivenza che lei abbia fiducia in me.
Non le dico prego e risparmierò tempo per Pazienti meno nevrotici e supponenti e più propensi a un dialogo costruttivo.
Cordialità ricambiate.