Utente 439XXX
Salve a tutti, 2-3 anni fa, per gioco con un mio amico abbiamo avuto dei "rapporti", all'epoca eravamo abbastanza piccoli, lui però ha due anni più di me. Mi ricordo che ci sono stati due rapporti orali (io passivo) e uno solo (se non ricordo male) anale (non per molto tempo io passivo e per qualche attimo io attivo), non ricordo se ci sono state perdite di sangue o eiaculazione, ma adesso sono molto preoccupato e in ansia. Venerdì farò il test della farmacia, ma ho saputo che in fase conclamata della malattia (Aids) darà falsi negativi. Io sono molto preoccupato anche perché non ricordo bene cosa è successo, appunto perché era un gioco. Inoltre sono molto in ansia. Poi dato che è successo tre anni fa ho paura che ormai non ci sia più nulla da fare. Da qualche giorno ho tosse e raffreddore. Quanti rischi ci sono? Sono molto preoccupato.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
mi permetto di darle un consiglio: lasci stare il test della Farmacia e ne faccia uno presso un Laboratorio ospedaliero o privato.
Anche perchè lei è minorenne e il test il farmacista non potrà dispensarglielo.
Dopo 2 - 3 anni qualunque test le darà risposta definitiva: sia che lo faccia di III sia che lo faccia di IV generazione.
In quanto al rischio mi pare molto basso se non inesistente.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio, ma un mio genitore ha già provveduto all'acquisto del test, lo ritirerà venerdì.
Comunque sia sono davvero molto preoccupato è da quasi un mese che non vivo più. Quante possibilità ci sono che io abbia contratto il virus? E se sono già nella fase conclamata (Aids) quello della farmacia darà risultato negativo?
Sono davvero terrorizzato, poi è anche un momento di ipocondria. Ho davvero tanta paura.
[#3] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
E poi il rischio è basso se non inesistente solo se il mio amico era sieropositivo?
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
E' ovvio che il suo amico avrebbe potuto contagiarla solo se fosse stato sieropositivo.
Non mi pare che lei riferisca sintomi che facciano pensare all'AIDS conclamata a tal punto da rendere negativo un esame basato sulla ricerca di anticorpi.
Sarebbe già ricoverato in Malattie infettive, con una polmonite da Pneumocystis Carinii, senza opportuna profilassi.
Invito i suoi genitori a farle eseguire il test in Laboratorio: se lo dico è perchè ne ho motivo. Poi chiaramente si faccia quello che si vuole.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la disponibilità, ma nel caso fosse stato sieropositivo, quante possibilità ci sono che io sia stato contagiato?
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Signore,
Faccia il test.
Le probabilità servono per gli studi statistici...
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#7] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Grazie dottore, al più presto farò le analisi.
Ma una domanda: è possibile che se la madre del mio amico (o non so se è successo, la madre di qualche altra persona con cui il mio amico ipoteticamente ha avuto rapporti sessuali) era sieropositiva lo ha infettato ed ora è diventato portatore sano? Anche perché non ho trovato sul web nulla a riguardo.
Se una madre sieropositiva infetta il figlio, questo sarà infetto, e poi *"curato" alla nascita, è possibile che riesca a raggiungere i 10-11 anni senza alcuna malattia? E inoltre è possibile che diventi portore sano? Poi questo rischio, alla nascita si controlla?
*curato, perché credo che quando un bambino nasca si facciano questi controlli, o sbaglio?
Grazie
[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
gentile utente,
lei sta bruciando energie per nulla.
Questi ragionamenti macchinosi non portano da nessuna parte.
Faccia il test al più presto e vedrà che sarà negativo.
Così almeno per l'HIV potrà mettersi l'animo in pace.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#9] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio davvero tanto, per le delucidazioni e per avermi dato un po' do tranquillità, il fatto è che se ne va una paura e ne subentra un'altra, pertanto è possibile che abbia contratto qualche altra malattia sessualmente trasmissibile? E come faccio a fare tutti i test necessari?
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Faccia la sierologia di sreening per la sifilide (VDRL/TPHA) e se risulterà negativa, chiuda questo capitolo e apra quello per gestire le sue angosce ipocondriache.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#11] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Salve dottore, non ho ancora fatto le analisi, ma ora ho paura per la sifilide perché è da abbastanza tempo che mi prudono i testicoli, e prima mi prudeva sopra l'ano. Sono nuovamente terrorizzato.
[#12] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Le ho già risposto: se ha questo dubbio faccia la sierologia.
Replica #10.
Legga bene.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#13] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Ma in ogni caso, se ho qualcosa adesso è incurabile e non c'è più nulla da fare?
[#14] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La sifilide è sempre curabile.
saluti,
Dott. Caldarola.
[#15] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Salve dottore,
Ormai sarà più di una settimana che ho la tosse, e da un po' anche grassa, stamattina mi è uscito un po' di muco, e quando ho la tosse a volte (quasi sempre) ho dei piccoli dolori non insopportabili al torace, sto prendendo LevoTuss ma non passa, ho paura di avere la polmonite e quindi l'Aids.
[#16] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Beh, se ha questa paura ne parli con i suoi genitori e si faccia accompagnare in P.S. dove la metteranno in Terapia intensiva e le metteranno in infusione il Co -Trimoxazolo per contrastare la verosimile polmonite da Pneumocystis Carinii, tipica dell'esordio dell'AIDS conclamata.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#17] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Ma questi sintomi sono proprio quelli della polmonite? Anche perché io ho solo un po' di tosse grassa, lieve mal di gola e un po' di affaticamento quando salgo le scale o per fare altre cose.
Ho paura.
[#18] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
Anche perché circa 1 settimana fa (più o meno) sono andato dalla dottoressa e ha detto che era una semplice tosse. Può essere peggiorata la situazione dopo e quindi lei non se n'è accorta. Anche perché ora è grassa prima no.
[#19] dopo  
Utente 439XXX

Iscritto dal 2017
E poi verosimile polmonite in che senso? È molto probabile che ce l'abbia?