Utente 438XXX
Buongiorno, è da 2 mesi ormai che soffro di nausea quotidiana, il momento in cui si affievolisce di piu è la sera dopo cena. E' partito tutto la sera del 31 dicembre 2016 dopo aver finito di cenare accusavo una sensazione di nausea forte e gonfiore di stomaco che però è sparita nell'arco di 1 ora circa. Il mattino dopo mi sono alzato avvertendo nausea, ho fatto un pò di giorni con nausea forte poi c'è stata una settimana dove sembrava stesse sparendo piano piano fino ad una mattina dove mi sono alzato e ho avuto degli attacchi di dissenteria. Da quel momento è tornata la nausea persistente. Gli attacchi di dissenteria ad oggi sono stati 3 in totale ( non tanti). Ho già fatto quasi tutti gli esami possibili, mi manca solo la gastroscopia. Ho fatto esami del sangue sia standard che per celiachia ed epatite, ecografia completa all'addome ed esame delle feci; tutti questi risultano negativi. Sono andata anche da un gastroenterlogo che mi ha diagnosticato sindrome dispeptica caratterizzata da nausea, e ha aggiunto che ho un virus influenzale che può durare anche 3 mesi. Il medioco mi ha prescritto Levopraid 25mg 3 volte/die(3 settimane) per poi scendere a 2/die(1settimana) fino a 1/die(10giorni). Purtroppo col passare del tempo sono sempre meno fiducioso della diagnosi del dottore. Secondo voi cosa può essere?

Grazie in anticipo per la risposta.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
io al suo posto non esiterei a eseguire la gastroscopia.
Perchè lei potrebbe avere un reflusso duodeno gastrico con gastrite biliare, una gastrite aspecifica, e moltre altre cause di nausea che solo la valutazione visiva dello stomaco e biopsie random e duodenali potranno confermare o escludere.
Compreso l'HP.
Non ho capito e non ho idea di quale virus duri tre mesi....
Infine mi permetta di sottolineare che questo uso spropositato della Levosulpiride a dosaggi di 25 mg non ha alcuna valenza gastroenterologica: il farmaco è un neurolettico appartenenti alle benzamidi sostituite ma non ha mai mostrato, al di là del battage della casa farmaceutica che lo produce, reali e sostanziali benefici come procinetico e come antinausea.
In tal senso sono senz'altro da preferire la Metoclopramide e la Clebopride.
Se lei avesse frequentato molti anni fa i reparti di Chemioterapia avrebbe visto che il farmaco, che veniva somministrato a dosi tali da indurre sintomi extrapiramidali era il Plasil e non il Levopraid fiale.
Ci sarà un motivo, non le pare?
Con l'avento dell'Ondansetron è tutto cambiato im meglio per fortuna e neanche il Cisplatino rappresenta più un problema per l'emesi.
Tanto premesso, si consulti con il suo curante perchè un breve periodo di assunzione di Plasil per bocca non la espone a nessun pericolo e forse le controllerà la nausea in modo migliore fino alla valutazione gastroscopica che le consiglio caldamente.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la sua risposta. Per quanto riguarda il virus, il gastroenerologo non è stato specifico, anzi, ha detto solamente " un virus influenzale ", la cura con levopraid me l'ha data lui, non so se in realtà pensasse che la mia nausea derivi da problemi ansiosi. La gastroscopia l'ho già prenotata per il 6 aprile 2017. Ma nel caso avessi qualche forma di gastrite da lei citata, sarebbe facilmente curabile?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Tutto è curabile ma non sempre tutto è guaribile. :-))
Comunque io credo che con una opportuna terapia la sua eventuale gastrite sarà risolvibile.
Il virus influenzale che dura tre mesi è una bufala.
E il levopraid a 25mg x3 e poi per due volte /die sull'ansia ha l'effetto dell'acqua di fonte.
Veda lei.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 438XXX

Iscritto dal 2017
Vorrei aggiungere che nell'ecografia completa all'addome ch ehi fatto, dice:
- fegato nella norma per morfologia e dimensioni, senza evidenti focalità a carattere patologico né dilatazione delle vie biliari

- colecisti aliatiasica
- coledoco di calibro regolare
- pancreas nella norma per morfologia e dimensioni, senza evidenti località ne dilatazione del wirsung
- milza nella norma per morfologia e dimensioni ad ecostruttura omogenea.
- reni in sede, nella norma per morfologia e dimensioni, a corticale conservata.
- bilateralmente non calcoli né idronefrosi
- vescica senza aggetti
- per via sovrapubica prostata nella norma.

vorrei sapere se da questi risultati si può già escludere la gastrite biliare oppure no. Comunque io di dolori allo stomaco non ne ho assolutamente, lamento soltanto nausea, ultimamente non forte, ma abbastanza fastidiosa.

Grazie ancora per la risposta.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
No non si può escludere.
Una gastrite, anche istologicamente importante, può essere del tutto asintomatica.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.