Utente 112XXX
Egregi dottori,
gradire un vostro parere riguardo all'evoluzione della mia storia clinica che vi riassumo brevemente:
2 anni fa mi sono sottoposto a visita urologica a causa di alcuni "fastidi"testicolari; la diagnosi è stata la seguente: ipermobilità testicolare causa di algie testicolari ricorrenti,sconsigliato intervento di fissazione,consigliata assunzione di oki durante le fasi di acuzie.
A luglio di quest'anno ho accusato un forte dolore al testicolo dx dopo qualche ora mi sono rivolto ad un medicochirurgo di mia conoscenza il quale mi ha diagnosticato un orchiepididimite dandomi la seguente terapia:augmentin,oki,applicazioni di ghiaccio. Dopo qualche giorno non notando miglioramenti mi sono rivolto privatamente ad un urologo molto stimato il quale ha emesso la seguente diagnosi: SOSPETTA TORSIONE TESTICOLARE DA ) GIORNI!! confermata da ecocolordopler che ha evidenziato assenza di vascolarizzazione....lo specialista ha sostenuto che ormai era inutile un intervento di asportazione del testicolo mi ha prescritto desketon per 7 giorni fissandomi una visita di controllo a ottobre....la visita ha evidenziato la necrosi del testicolo dx ormai ridotto notevolmente e un varicocele di 1 grado al sx........la mia domanda è questa... é stata seguita una terapia adeguata?? L'urologo mi ha detto che potrei avere dei problemi di fertilità infatti mi ha prescritto esame del liquido seminale da ripetre 3 volte a distanza di un mese....ho molta paura VOGLIO DIVENTARE PAPà!!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,da quanto racconta e' evdente che la diagnosi iniziale non e' stata coretta,principalmente perche' non e' stato eseguito un ecocolordoppler, anche se mi sembra strano in quanto il collega ha evidenziato una ipermobilita' del testicolo,escludendo la necesita' di una fissazione del testicolo stesso.Comunque,al momento,esegua dei dosaggi ormonali di FSH,LH,testosterone totale,17 beta estradiolo,nonche' alfafetoproteina,beta HCG,CEA,in aggiunta allo spermiogramma e a quantaltro l'andrologo di riferi-
mento ritenga utile.Ci aggiorni,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

indubbiamente la sua attuale situazione clinica di "monorchide" potrebbe compromettere la sua potenzialità riproduttiva.
Si tratta solo di farsi seguire da uno specialista, effettuare una valutazione seminale e, sulla base di questa, decidere se si debba fare qualcos'altro a livello diagnostico o terapeutico.
Con un solo testicolo la fertilità rimane conservata
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per la cortese e celere risposta! Approfitto della vostra disponibilità per fare una doverosa precisazione e sottoporvi altre 2 domande molto importanti:
l'urologo presso il quale sono in cura non è lo stesso che mi ha diagnosticato l'ipermobilità testicolare....l'attuale specialista infatti si è molto alterato vedendo una diagnosi fatta da un collega il quale non ha consigliato l'intervento di fissazione!!!! Ho già svolto gli esami dei marcatori citati dal dott.Izzo...per fortuna erano tutti negativi.
Le mie domande sono le seguenti...l'urologo mi ha consigliato di aspettare a fissare l'altro testicolo in quanto l'operazione ( anche se banale ) potrebbe peggiorare ulteriormente la mia fertilità....è vero?
Secondo voi è il caso di rivolgermi ad una banca del seme..? e se si in questi casi quali sono i costi? GRazie ancora
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Evidentemente l' urologo che la segue è bravo. Faccia una valutazione del seme e in base ai risulttati si consigli con il collega che la segue.
Ricordi di indossare la conchiglia, per proteggere il testicolo da traumi.