Utente 404XXX
Salve a tutti! Circa 20 giorni fa, nei giorni successivi ad un rapporto protetto, ho iniziato a sentire dei fastidi/bruciori alla pelle del prepuzio. Non ho dato peso alla cosa fino a quanto 10 giorni fa la situazione è di colpo peggiorata portandomi bruciore e dolore al prepuzio che risultava arrossato. La scopertura del glande era anche diventata impossibile a causa del dolore/bruciore. Il medico di base mi ha prescritto Pevaryl soluzione cutanea e Gentalyn (non Beta) che sto facendo da 9 giorni. La pelle ha riacquistato elasticità e adesso riesco a scoprire il glande, i fastidi sono diminuiti ma noto che ho ancora dei bruciori/pizzicori come se la pelle fosse molto irritata. Alla vista però tutto sembra nella norma, non si vedono rossori o puntini o macchie biancastre. Inoltre la pelle del prepuzio sembra essersi seccata. E' possibile che i sintomi rimanenti siano a causa della pelle secca? Cosa mi consigliate di fare? E' un decorso normale in questi casi e quindi devo tranquillizzarmi e continuare la terapia oppure è necessario rivolgermi ad un dermatologo subito? Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005

Gentile utente

sebbene le balanopostiti di varia natura possano lasciare una sintomatologia che eccede il segno clinico, se il caso dovesse persistere per qualche tempo si potrà programmare la visita venereologica di controllo

Saluti!
Dr Laino

[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per la riposta Dott. Laino. Nel frattempo è possibile applicare una normale crema idratante per la secchezza (come la Nivea) o per quelle zone è meglio usare prodotti farmaceutici?
[#3] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Avendo notato una zona rossastra e gonfia sulla corona del glande che mi provocava dolore e bruciore, mi sono recato da un dermatologo che dopo 5 secondi contati di osservazione ha sottovalutato la situazione non prescrivendomi nulla e imputando il problema ad un fattore meccanico che, non avendo rapporti da più di 20 giorni, reputo completamente impossibile. Non convinto sono tornato dal mio medico di famiglia che ha presunto trattasi di un fungo (dato che i 10 giorni di gentamicina non sono risultati efficaci) e mi ha prescritto pevaryl emulsione cutanea sostenendo che probabilmente il pevaryl sapone non fosse stato abbastanza forte per eliminarlo. Ho iniziato oggi la cura e mi sembra che il bruciore stia aumentando leggermente. Può essere normale una acutizzazione iniziale? Le sembra plausibile la terapia e la spiegazione del mio medico? La ringrazio.
[#4] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Dopo aver consultato altri due dermatologi (dei quali uno ha notevolmente peggiorato il problema) mi ritrovo ancora con bruciore al prepuzio e dolore al glande. Su quest'ultimo si sono formati dei taglietti molto molto dolorosi tali da costringermi ad andare al pronto soccorso. Mi è stata data una crema lenitiva e un antistaminico, tuttavia il problema non sta migliorando. Sul glande non si vedono bollicine o altre eclatanti manifestazioni cutanee. Potrebbe esserci (come sostengo io dall'inizio) un'infezione batterica in corso resistente alla gentamicina? Sono 2 mesi che ho questo problema e di ben 3 dermatologi nessuno è stato in grado di impostare una corretta terapia. Lo sconforto sta prendendo il sopravvento. Sarei grato se qualcuno mi rispondesse, grazie.
[#5] dopo  
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova
24% attività
20% attualità
16% socialità
SELARGIUS (CA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Le consiglio di non mettere niente per un po' di tempo a limite della vaselina bianca per tenere morbida la zona. Fra 10 giorni circa non metta vaselina la sera e faccia un tampone cutaneo per ricerca batteri e funghi con eventuale antibiogramma. Secondo me risulterà negativo, io lo imputerei all' uso continuo di farmaci. Faccia anche un esame urine , urinocultura. Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la sua risposta e per le indicazioni fornite dottoressa Devillanova. La informo sulla situazione attuale.

Così come lei e il medico dell'ospedale che mi ha visitato avevate supposto, il dolore forte al glande era probabilmente dovuto all'uso inappropriato di farmaci. A distanza di circa 10 giorni è diminuito sensibilmente anche se non scomparso.

Tuttavia, mi ritrovo ancora con bruciore e rigidità della pelle del prepuzio. Sono stato a controllo di nuovo dal medico che supponendo che i sintomi siano legati ad un situazione di secchezza mi ha dato Refix crema all'acido ialuronico che sto applicando. Ho notato però che il frenulo è molto arrossato così come la parte del glande dove esso è attaccato e la parte di pelle del prepuzio che va a contatto col frenulo stesso.

Ho già effettuato l'esame delle urine e urinocultura con esito negativo. Non ho ancora effettuato tamponi ma li proporrò al medico al prossimo controllo se la situazione non migliora.

Volevo adesso chiedere:
1) un'eventuale infezione batterica può concentrarsi solo sul frenulo e nelle zone a contatto con esso? (non ho rapporti da tanto tempo, di conseguenza quel rossore e bruciore sul frenulo e le zone circostanti mi sono sospetti)
2) la crema all'acido ialuronico che sto usando contiene anche acido usnico che ho visto essere attivo contro i batteri gram positivi. Potrebbe essere sufficiente ad eliminare l'infezione nel caso in cui fosse presente?

Vi ringrazio per l'eventuale risposta. Per un ragazzo della mia età molto curioso e che ha avuto brutte esperienze con alcuni medici è importante riuscire a capire cosa mi succede e a sapermi orientare. Grazie ancora.
[#7] dopo  
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova
24% attività
20% attualità
16% socialità
SELARGIUS (CA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
A questo punto dopo la visita che ha fatto, e la terapia data dal collega escludo un'infezione attualmente in atto. Quando zone tanto sensibili vengono trattate con topici per diverso tempo, si instaura una dermatite irritata, poi una secchezza dei tessuti e meno elasticità. Ci vuole almeno un mese a rimettere a posto la situazione. Il fatto che continui ad arrossarsi il frenulo è legato al fatto che è la struttura che si indurisce di più e nonostante la mancanza di rapporti, ci sono momenti di erezione...come la mattina, è abbastanza elastico da non spaccarsi, ma diventa rosso. Stia tranquillo. Cari saluti
[#8] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio ancora per la gentilezza e la disponibilità mostrate. Spero che il quadro si possa risolversi presto perchè i fastidi sono notevoli e dopo 2 mesi sono abbastanza scoraggiato.

Colgo l'occasione per farle un'ultima domanda. La crema refix all'acido ialuronico può essere applicata tranquillamente sul glande per favorirne la guarigione? Il mio medico non è stato molto chiaro se metterla solo sul prepuzio o anche sul glande. Grazie ancora.
[#9] dopo  
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova
24% attività
20% attualità
16% socialità
SELARGIUS (CA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Può metterla anche sul glande. Si ricordi sempre piccole quantità, magari più volte e la faccia delicatamente assorbire. Cari saluti
[#10] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Volevo informarvi che la terapia con refix non ha avuto successo e che adesso sto utilizzando la crema repasine plus da circa una settimana, anche questa senza risultati. Il bruciore, rossore e la secchezza non sono diminuiti. A questo punto mi sembra evidente che non possa trattarsi di una semplice irritazione essendo passati 2 mesi e mezzo dall'inizio di questa storia e 1 mese e mezzo da quando è stata impostata una terapia "riparativa". Sono sempre più convinto di avere una leggera ma presente infezione batterica anche se il mio medico non vuole darmi ascolto. Credo che farò di testa mia degli impacchi di acido borico come disinfettante, anche perchè usando una soluzione a base di eosina (che ho dovuto interrompere) questo bruciore era migliorato.
[#11] dopo  
Dr.ssa Sonia Maria Devillanova
24% attività
20% attualità
16% socialità
SELARGIUS (CA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Io direi di non modificare il quadro con antisettici o eosina, continui con l'idratazione e segua le indicazioni del suo dermatologo. Cordiali saluti