Utente 442XXX
Buongiorno, ho una domanda molto semplice: l'epatite C può essere un'evoluzione/aggravamento dell'epatite b?
Cioè, se una persona ha contratto l'epatite B questa può trasformarsi, nel corso degli anni o in seguito ad una serie di fattori, in epatite C?
O le due malattie, pur condividendo il nome, non sono collegate direttamente?

Grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
le due malattie dono dovute a due virus totalmente diversi.
Un paziente può infettarsi con entrambi i virus (per esempio i tossicodipendenti) ma non è possibile che una epatite C si trasformi in B o viceversa.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 442XXX

Iscritto dal 2017
Dottore, la ringrazio per la risposta celere ed esaustiva.
Qualora un soggetto fosse infetto, è necessario che gli altri membri della famiglia conducano indagini per scongiurare la possibilità di un avvenuto contagio? E a cosa devono stare attenti, qualora non avessero contratto il virus, non essendo possibile alcuna prevenzione medica o vaccino?
Infine, che tipo di accortenze, oltre al divieto assoluto di bere alcolici, deve seguire un paziente che abbia contratto l'epatite C?

Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
per quanto raro il contagio è bene che i familiari di un HCV positivo facciano il test.
Dopo di che le attenzioni sono le solite che si applicano alle malattie a trasmissione ematica (col sangue). Forbici, tronchese, rasoi, ecc tutto personale.
Un malato di Epatite C cronica, oltre ad evitare l'alcol, deve recarsi da un Epatologo per la valutazione della sua epatite, del genotipo virale che la sostiene e per la terapia con i nuovi farmaci capaci di guarirla definitivamente.
Cordialità,
Dott. Caldarola.