Utente 442XXX
Buona sera,
Volevo porre una domanda, che è più un chiarimento su un fatto che non ho mai ben compreso.
Premetto che sono un ragazzo responsabile e ligio a controlli sanitari quando necessari. Non sono un tipo ansioso ne ipocondriaco. Volevo però porvi una domanda, circa il rischio di contrazione il virus hiv.
Sono ben conscio delle probalibilità di contrazione con un rapporto orale attivo non protetto, qualora la mucosa orale presenti sanguinamenti o ferite aperte che le provochino (rischio di contaminazione sia con il sangue infetto del partner sia con eventuali liquidi seminali).
Volevo chiedervi se definireste a rischio un rapporto orale attivo, non protetto, qualora il soggetto presenti un lieve samguinameto gengivale circoscritto ad una piccola zona e solamente nel momento dello spazzolamento dentale.
In linea teorica, personalmente lo definirei un ipotetico rischio, in quanto lo sfregamento con le setole dello spazzolino, dovrebbero aver causato una micro lesione nella gengiva, causa del sanguinamento e quindi ipotetico viatico per il virus.
Ma mi piacerebbe ascoltare la vostra opinione.

Un ringraziamento per il vostro lavoro,
Saluti,
Luca.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
salve,
mi scusi ma fellatio attiva significa che la bocca ce la mette lei o il suo partner?
In ogni caso, al di là del viatico per il virus, tutti i rapporti compresi quelli oro genitali, recettivi o insertivi, devono essere protetti dal profilattico.
E' inutile ogni bizantinismo come quello che propone lei dal momento che le MST sono una pletora e non comprendono solo l'HIV.
Saluti,
Dott. Caldarola.