Utente 906XXX
Salve, ho 37 anni e sono capitato in questo forum per il problema in oggetto.
Ho letto alcuni dei precedenti post.
Come mai non viene mai detto anche in forma solo di accenno che il problema potrebbe dipendere dalla fruizione di materiale pornografico?

A me le cose stanno migliorando solo dopo aver capito che stavo subendo gli effetti di una patologia individuabile come pornodipendenza.

Se ne parla veramente poco, la maggiorparte delle informazioni le ho recuperate dal forum di yahoo noallapornodipendenza, poi ho iniziato una terapia presso il sert di firenze con uno psicologo specializzato in dipendenze da droghe e alcol ed infine un giovane ma valido urologo mi sta facendo prendere il cialis 5mg come cura giornaliera per un mese in dosi che diminuiscono nella frequenza.
Ovviamente ho fatto prima tutti le analisi cliniche x avere n quadro + completo.
Domani incontrerò un professore universitario, urologo, uno dei pochi che sta mettendo in stretta relazione questi dati.

Accennate questa probabile eventualità per favore parlando proprio di PORNODIPENDENZA da internet, non è solo fantasia se + di 3000 iscritti ne discutono giornalmente con oltre 25.000 post prodotti.

Mi piacerebbe avere una vostra opinione in merito

grazie
francesco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la problematica esposta non puo' non interessare chi da circa 30 anni e' immerso nell'universo della sessualita'.Il problema,inserito nella realta' del nostro forum,assume una rilevanza maggiore se i nostri utenti lo sottolineano,In assenza di cio' il nostro compito e' di rispondere ai quesiti e di informare i nostri utenti circa la genitalita' riproduttiva e sessuale. Evidentemente ,altre sono le sezioni di questo forum che accolgono quesiti analoghi.Riguardo il Suo problema,faccio fatica a comprendere il razionale della strategia terapeutica basata sulla somministrazione giornaliera di 5 mg. di tadalafil...Sara',forse,la vicinanza con la sede della casa farmaceutica che produce il farmaco citato...Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 906XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dr. Izzo per la solerte risposta.

Il fatto che gli utenti non lo sottolineano potrebbe indicare anche il fatto che loro disconoscano questa realtà pur essendo, come nel mio caso, soggetti a tale patologia.

Molte persone che si avvicinano al forum di pornodipendenza lo hanno fatto spesso per caso, spesso spinti dalla disperazione o talvolta dalla curiosità dopo aver visto alcune uscite in tv del moderatore del gruppo che ha pure scritto un libro in merito.

Se io ora stessi curando il mio problema solo a livello farmacologico, oppure anche integrando con una terapia cognitiva comportamentale generica e non mirata alla pornodipendenza io oggi (aalmeno spero che sia così) avrei meno possibilità di riuscire a risolvere il mio problema.

Non dico che gli urologi debbano diventare dei psicologi ma almeno dovrebbero paventare questa possibilità.

(se vuole) mi spieghi meglio questa affermazione che altrimenti non capisco:
"...Sara',forse,la vicinanza con la sede della casa farmaceutica che produce il farmaco citato..."
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,personalmente sono un andrologo,non urologo (che identifico con un chirurgo),per cui l'aspetto comportamentale e psicologico e',spesso,il "cuore" dell'intervista anamnestica con il Paziente.Se,pero',il Paziente non sottolinea la eventuale dipendenza dalla inflazione (e deflazione) della pornografia degli ultimi anni,non posso certamente io propagandare questo aspetto che certamente esiste.Oserei pensare che il Paziente affetto dalla pornodipendenza in prima istanza consulti uno psicosessuologo. Personalmente invio spesso i miei Pazienti a questo tipo di consulti.
Confermo la curiosita' di conoscere il razionale della terapia prescritta con il tadalafil 5 mg..La mia era una battuta riferita al fatto che l'azienda che produce il tadalafil ha sede a Fiesole...Cordialita'.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mi si consenta: la porno ecc... è uno degli aspetti della timidezza.
Sono estremamente curioso anche io di sapere il razionale del tadalafil da 5 mg.
[#5] dopo  
Utente 906XXX

Iscritto dal 2008
la cura che mi è stata prescritta è
10 gg 1 die
10 gg 1 g si e 1 g no
5 gg 1 g si e 3 gg no
le pillole restanti al bisogno.
(è questo il razionae che chiedete?)

lo stesso blister è pensato per un'assunsione giornaliera poichè nel retro sono segnate i girni settimanali.


Dr Cavallini mi scusi se posso risultare brutale e/o maleducato ma lei ha dato una delle peggiori risposte che mi potessi aspettare degna dei peggiori bar.
Per come si è espresso lei sembra molto all'oscuro del prblema. Si informi se vuole sul forum di noallapornodipendenza.
Spero che oltre a risentirsene (io stesso mi sarei offeso) lei possa trarre uno spunto per fare una seria riflessione su questo tipo di patalogia che se fosse così come è stata descritta da lei dovrebbe appartenere al codice genetico di molte persone (tutte quelle timide) invece le dinamiche, se conosciuto, dimostrano che non è così.

Oggi sono appena ritornato dall'incontro con il prof universitario, un sessuolo/andrologo veramente esperto in materia,ha avuto modo di dimostrarmelo ampiamente.
Alla fine del nostro incontro (quasi 2h) mi è stato suggerito una visita da uno psichiatra e non da uno psicologo(la cosa mi ha un pò sconvolto non lo nego) ed eventualmete è probabile una cura con farmaci per combattere aspetti della psiche quali "ansia da abbandono" o chissa cosa altro potrebbe venir fuori dalla visita psichiatrica. Negli ultimi 5 min gli ho proposto i miei timori (provenienti dai vostri interventi) circa questa cura giornaliera con il cialis. Ha detto che secondo il suo parere è corretta ma il lavoro da fare è principalmente sulla psiche (uso parole frse non corrette al 100% ma spero che abbiate capito)

saluti
francesco



[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...aldilà delle motivazioni e soluzioni psico-comportamentali-psichiatriche nel cui merito non voglio entrare (anche se,conoscendo il Dr. Cavallini,escluderei qualsiesi intento offensivo...),rimango perplesso sulla opportunità di prescrivere uno schema terapeutico con tadalafil 5 mg. per il Suo problema.Mi corre l'obbligo, però,di specificare che,comunque,la terapia certamente non Le ha creato danni...Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 906XXX

Iscritto dal 2008
Dr. Izzo non sono sicuro di aver capito la sua ultima affermazione.
Intendeva dire che la terapia (con il cialis? con lo psichiatra) non mi "creerà" (in futuro) danno?

grazie per ora
[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...intendevo la terapia con il tadalafil.Cordialita'.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
non intendevo essere maleducato, ma dare alla pornodip. una collocazione psicologica. Sono all' oscuro di lei in quanto non la conosco, ma non sono all' oscuro del problema che lei porta.
[#10] dopo  
Utente 906XXX

Iscritto dal 2008
Egr. Dr Cavallini, mi auguro che lei sia veramente informato sul problema della pornodipendenza e che abbia semplicemente scritto in maniera estremamente superficiale.

Sarà da circa 5 anni che incontro malati di pornodipendenti e specialisti per la cura di questo problema sotto tutti i punti di vista (fisiologico, psicologico ecc. ecc.)
Ho la presunzione di capire quanto possa sapere la persona che sta di fronte a me secondo quello che dice, soprattutto quando cade in luoghi comuni come ha fatto lei.

Fortunatamente le persone che sto incontrando in quest'ultimo periodo mi fanno ben sperare. Sono persone che oltre ad avere un loro valido spessore professionale mostrano una mente aperta e sensibile.

Mi scuso con l'intero forum se questo post sta virando verso una sterile polemica sulla quale non aggiungerò altro.

cordiali saluti
francesco

[#11] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Una puntualizzazione, non scambi superficialità con semplicità di risposta. Le auguro buona guarigione se permette
[#12] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
credo sia importante sottolineare come la problematicità da lei introdotta è terreno di studio, di ricerca e di intervento che comporta una valutazione dei casi che non possono esaurirsi all'ambito esclusivamente psicosessuologico.
Intendo dire che, senza entrare nel merito della sua problematica (poichè non ho gli elementi per poterlo fare), difficilmente una valutazione specialistica che non tenga conto del possibile (e spesso frequente) intreccio tra aspetti psicopatologici e aspetti di "dipendenza sessuale" può darle un beneficio stabile ed efficace.
D'altra parte elementi di possibile riflessione in merito, se lo desidera, li può trovare per esempio sul sito www.sispse.it
Cordialmente
[#13] dopo  
Utente 906XXX

Iscritto dal 2008
Egr. Dr Garbolino
sono completamente d'accordo con quanto detto da Lei.
Mi auguro che quanto prima, in una normale visita da un andrologo, con pazienti che hanno problematiche tipo la mia, nel corso dell'analisi vengano poste domande anche relative alla possibilità di fruizione di materiale pornografico, oltre a quelle per es.(ne sparo alcune a caso) relative alla propria igiene, alla propria sessualità, ai risultati delle varie analisi mediche , alle abitudini alimentari al tipo di lavoro (sedentario o non) e così via in modo da non lasciare oscuro alcuna possibilità di individuazione del fattore che ha scatenato il problema.

cordiali saluti
francesco